Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:30
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: il "Sii" annuncia: "Niente acqua dalle 8,30 alle 20,30", poi ci ripensa e cambia orario ma i cittadini non lo sapevano
Quando alle 8,30 di ieri mattina hanno visto l’acqua sgorgare a tutta pressione dai rubinetti hanno pensato ad un abbaglio. I cittadini di Narni Scalo, che sia pure in modo “anomalo” erano stati avvertiti dal Sii che per tutta la giornata di ieri a causa di urgenti lavori avrebbero dovuto fare a meno del prezioso liquido, hanno pensato che da lì a qualche minuto dalla stazione di pompaggio qualcuno avrebbe comunque interrotto l’erogazione; poi, vedendo che le ore passavano e l’acqua continuava ad uscire regolarmente dai rubinetti hanno cominciato a chiedersi cosa fosse accaduto. Era stato tutto uno scherzo? Qualcuno, spacciandosi per il Sii, aveva affisso sui muri di Narni Scalo quei manifestini, per la verità poco visibili, con i quali la cittadinanza veniva avvisata della sospensione dell’acqua per l’intera giornata di giovedi su tutto l’abitato di Narni Scalo? Il giro di consultazioni tra condomini ha avuto subito inizio ma c'è voluta l’intera mattinata per capire quello che in realtà era accaduto. “Il Sii ha cambiato programma ed anziché togliere l’acqua alle 8,30 del mattino ha deciso di farlo alle 20,30 di stasera-riferiva ieri stizzita una signora-ma a noi nessuno ha detto niente e quindi ci eravamo organizzati con taniche e bottiglie, pronti a far fronte all’emergenza. Pensi che c’è stata anche tanta gente che non ha mandato a scuola o all’asilo i propri bambini proprio per evitar loro dei disagi!”. Al Sii ammettono di aver cambiato programma all’ultima ora “Ma lo abbiamo fatto anche per creare meno problemi alla cittadinanza. Purtroppo non c’è stato il tempo di comunicare in modo capillare questa variazione”. Ed è proprio sui sistemi di comunicazione che insistono i cittadini. “Al Sii non possono pensare che bastano quattro volantini mezzi nascosti a far sapere a migliaia di cittadini che mancherà l’acqua-spiega un signore che abita in via dei Garofani-fino a quando il servizio idrico veniva gestito dal comune, ogni qualvolta che c’erano dei problemi di questo genere passava una macchina con gli altoparlanti sopra che avvisava per bene tutta la popolazione. Il Sii si adegui e metta i cittadini nelle condizioni di organizzarsi nel modo migliore”. Dagli uffici ternani del Sii fanno tuttavia sapere che “se avessimo interrotto di giorno l’erogazione dell’acqua saremmo stati comunque pronti con le autobotti a fronteggiare eventuali situazioni di emergenza come quelle che avrebbero potuto verificarsi nei pressi di scuole o altre comunità”.
14/1/2005 ore 4:10
Torna su