Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:30
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: il piazzale-parcheggio dietro alla ex Carit è pieno di buche, ma il comune non ha i soldi per asfaltarlo
Il piazzale è diviso in due parti. Quello di proprietà di privati, che è asfaltato e dunque non presenta problemi e l'altro, del comune, che invece è pieno di grosse buche. Parliamo del grande piazzale situato alle spalle della filiale della ex Carit e della caserma dei carabinieri a Narni Scalo. Le recenti modifiche fatte dall'amministrazione comunale al piano della viabilità di Narni Scalo, hanno offerto agli automobilisti la possibilità di fruire in modo più agevole del grande spiazzo sterrato che viene quotidianamente utilizzato come parcheggio. Tutto filerebbe liscio, con buona pace gli automobilisti che hanno a loro disposizione gratuitamente un altro migliaio di metri quadri dove parcheggiare le loro macchine, se non fosse per le pessime condizioni nelle quali versa il piazzale. Ci sono buche dappertutto che creano difficoltà nelle manovre, ma anche il rischio di rovinare le parti meccaniche delle automobili. Per non parlare del fango che contengono e che sporca gomme, cerchioni e carrozzeria. A peggiorare le cose c'è anche un lungo cordolo di cemento che sporge dalla superficie brecciata e rappresenta un rischio per cerchioni, braccetti ed altri organi della trasmissione dei veicoli. Il Comune ha di fatto aperto il piazzale mettendolo a disposizione degli automobilisti, ben sapendo che le condizioni di sicurezza sono piuttosto limitate. La superficie, non essendo asfaltata, non da la possibilità di disegnarvi sopra gli spazi e quindi impedisce di razionalizzare nel modo migliore il parcheggio. Questo vuol dire che ognuno è autorizzato a parcheggiare come vuole, a danno di chi arriva dopo. Questo comporta un restringimento dei "corridoi" tra una fila ed un'altra di vetture. Succede così che all'interno del piazzale si creano degli ingorghi, tra coloro che devono uscire (spesso a retromarcia) e quelli che debbono entrare. "Non abbiamo fondi per fare un intervento che ponga fine a queste problematiche - spiegano dal Comune -. Lì ci vogliono diverse decine di migliaia di euro, perchè oltre all'asfalto va realizzato un sistema di fognatura ed un minimo di marciapiedi, oltre all'apposizione della segnaletica verticale e orizzontale". Insomma gli automobilisti si mettano l'animo in pace e facciano attenzione a quando entrano nel piazzale. Magari nel frattempo il Comune, per tamponare in qualche modo la situazione, potrebbe ordinare un camion di breccia, per riempire le buche. Meglio di niente...
17/11/2015 ore 3:00
Torna su