Sabato 24/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:50
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: giochi pericolosi al parco pubblico, la Ubaldi (Pdl) pronta a sottoscrivere una petizione con i cittadini
Pericoli al parco pubblico di Narni Scalo. Giochi e fontane, secondo la consigliera comunale Ilaria Ubaldi, sarebbero ridotti male e questo comporterebbe dei seri rischi per i bambini che ogni giorno frequentano questo grande spazio verde. “A destare maggiore preoccupazione – spiega la Ubaldi – è la fontana che essendo senz’acqua viene utilizzata dai bambini come una sorta di gioco. Un gioco pericoloso, però, perché i ragazzini si arrampicano sui bordi e spesso cadono all’interno, rischiando di farsi male. E proprio pochi giorni fa un bambino è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso che gli hanno applicato alcuni punti di sutura proprio per essersi ferito cadendo nella fontana”. La Ubaldi ricorda che “anche i giochi presenti all’interno del parco versano in condizioni precarie” e che “l’impianto di illuminazione non è sufficiente nelle ore serali e notturne a garantire la sicurezza necessaria ai cittadini”. Per rendere più incisiva la protesta i genitori avrebbero intenzione di fare una raccolta di firme da presentare al sindaco, onde mettere in sicurezza il parco pubblico. “Le lamentele espresse a voce dai cittadini – sottolinea la Ubaldi – non hanno sortito alcun effetto, con una petizione sono certa che il Comune sarà costretto ad intervenire”. L’assessore ai Lavori Pubblici Simona Bozza non è per niente convinta che quanto affermato dalla consigliera Ubaldi corrisponda a verità. “Non mi risulta affatto che il parco dei pini di Narni scalo versi nel degrado – spiega -. I giochi sono stati ristrutturati di recente e i nostri tecnici e operai fanno spesso dei sopralluoghi a Narni Scalo come negli altri giardini pubblici comunali, proprio per sincerarsi che non ci siano situazioni precarie”. La denuncia di Ilaria Ubaldi non è tuttavia destinata a cadere nel vuoto, perché già in passato è accaduto varie volte che i cittadini siano stati costretti a firmare delle petizioni per fare in modo che gli spazi verdi della città venissero sistemati.
13/8/2009 ore 0:16
Torna su