Giovedì 12/12/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:29
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: furti e atti di vandalismo nei viali del cimitero e c'è anche chi scorrazza allegramente con auto e scooter
Furti, atti di vandalismo e scorrazzamenti vari di scooter e automobili. Succede all'interno del cimitero di Narni Scalo che da qualche tempo a questa parte è stato trasformato da sempre più numerosi cittadini incivili in una sorta di "Bronx" cittadino. A denunciare la situazione di estrema precarietà che si registra all'interno del principale camposanto cittadino, è stata la consigliera di Alleanza Nazionale Ilaria Ubaldi che nel raccontare gli episodi che si verificano nei vialetti del cimitero ha usato parole di dura condanna, chiedendo al sindaco di fare subito qualcosa "perché certi episodi non abbiano più a verificarsi". "Stavolta la politica non c'entra niente – ha detto la Ubaldi -, il mio intervento vuole solo portare all'attenzione di tutto il Consiglio e dei membri della Giunta una situazione di estrema gravità che si registra presso il cimitero di Narni Scalo, che oltraggia i nostri defunti e offende il senso civico di tutti quei cittadini che frequentano quel luogo rispettandolo per quello che esso rappresenta". La Ubaldi ha parlato di automobili e motocicli che scorrazzano di continuo nei viali e di furti che avvengono ai danni di persone che vanno a far visita ai loro cari; "si portano via di tutto: dai vasi di marmo e di rame, alle borse lasciate incautamente poggiate da una parte". Il fatto che le automobili abbiano libero accesso dentro al cimitero può giustificarsi, ma solo in parte, in quanto il Comune, come accade in altre città, ha rilasciato un certo numero di permessi a quelle famiglie che hanno in casa persone disabili, che dunque vanno accompagnate fin davanti alle tombe. Ma dentro al cimitero, ormai, entra chiunque con la macchina, in barba ai controlli che gli addetti dell'Asit, l'ente che gestisce i servizi cimiteriali, tentano inutilmente di fare, perché alla fine chi trasgredisce le regole se ne infischia di un semplice richiamo verbale. Ci vorrebbero interventi costanti da parte dei vigili urbani che avrebbero altri mezzi per contrastare simili comportamenti, ma per arrivare a questo è necessario che siano gli assessori competenti a dare ordini precisi. "Useremo il pugno di ferro per contrastare certi assurdi comportamenti – ha detto l'assessore Simona Bozza -. Chi scambia il cimitero per una piazza di periferia non merita alcun tipo di comprensione. Il rispetto dei morti deve rimanere in cima alle priorità di ogni comunità di cittadini. Intensificheremo i controlli e daremo ordine di multare chiunque venga trovato all'interno del cimitero a bordo di un qualsiasi mezzo di locomozione, escluse ovviamente le persone autorizzate. Chiederemo anche alle forze dell'ordine di vigilare ancora di più per evitare poi che si verifichino dei furti".




7/8/2008 ore 5:55
Torna su