Mercoledì 19/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:58
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: domenica 23 dicembre al Pala Avis pranzo di solidarietà per le famiglie meno fortunate
Saranno gli amministratori, i consiglieri e i dipendenti a servire a tavola per il primo pranzo dei poveri organizzato dall’amministrazione comunale. Ad organizzare l'evento è l'assessorato ai Servizi Sociali in collaborazione con la giunta comunale. Il Comune, in collaborazione con l’Avis, gestore della struttura, e con le associazioni del territorio, ha programmato per domenica 23 dicembre un pranzo al quale potranno partecipare le famiglie e i singoli soggetti che si trovano attualmente in difficoltà economica. A portare in tavola ed a contribuire a tutta l’organizzazione saranno i dipendenti di Palazzo del Podestà, insieme al sindaco, agli assessori ed ai consiglieri comunali. “Sarà un momento di festa e di socialità – dichiara l’assessore Silvia Tiberti – che, speriamo, possa dare conforto a tutte quelle persone che oggi si trovano in difficoltà e in disagio e che con questa iniziativa potranno condividere il pranzo di Natale e passare una giornata diversa e conviviale. Il mio pensiero, oggi – aggiunge la Tiberti - dopo aver frequentato per più di un anno l’ambito sociale ed averne vissuto e condiviso le relative problematiche, è rivolto a quelle famiglie e a quelle persone che hanno in questo momento situazioni svantaggiate e che pertanto non riusciranno ad allestire una tavola natalizia ricca e variegata, per sé e per i propri cari come invece avrebbero voluto. Il pranzo – dice ancora l’assessore - sarà un momento di solidarietà, puntando sul senso di appartenenza e di unione della nostra comunità, un’apertura condivisa ed unitaria, un segnale tangibile e positivo per i soggetti più vulnerabili del nostro territorio, con un pensiero rivolto principalmente alle persone in difficoltà perché si possa riaccendere in loro la speranza. Da qui nasce – conclude - la mia personale volontà di condividere insieme un momento di leggerezza, per far sentire le persone meno sole ed emarginate e soprattutto per offrire loro un Natale diverso e più sereno”.
22/12/2018 ore 3:45
Torna su