Domenica 19/11/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 06:01
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: demolita la passerella che attraversava la ferrovia alla stazione, un pezzo di storia che se ne va
E' un pezzo importante della storia recente di Narni che se ne va. La passerella che attraversava la ferrovia nei pressi della stazione ferroviaria non c'è più. E' stata abbattuta nella notte tra sabato e domenica. Quel "ponte", se avesse potuto parlare, era un contenitore pienzo zeppo di ricordi. Quelle scalette, da un lato e dall'altro, sono state attraversate per migliaia di volte da migliaia di persone. Nella maggior parte operai, che si recavano al lavoro all'interno dell'Elettro o che uscivano per tornare a casa. Migliaia di storie umane, che si sono incontrate sopra a quella passerella. Di giorno, di notte, al mattino presto o alla sera tardi. Con la pioggia, il vento, il gelo e la neve, il sole tiepido della primavera e quello cocente dei mesi estivi. Da lì sopra si vedeva benissimo Narni e chissà quante volte quegli operai avranno guardato in su, provando un senso di ammirazione per la loro città. Quanti giovani padri di famiglia, passando sopra il ponte a fine turno, avranno accellerato il passo per sbrigarsi a tornare a casa, dai loro cari. Ora quella passerella non c'è più. Rfi (Rete Ferroviaria Italiana) aveva ordinato già da tempo al comune di abbatterla, in quanto le sue condizioni non erano più sufficientemente sicure. Sessant'anni, insomma, si cominciavano a far sentire: le vibrazioni alle quali per così tanto tempo era stato sottoposto il manufatto, le intemperie e tutto il resto avevano creato dei danni. Buttarla giù, dunque, è sembrata la cosa migliore da fare, tanto più che con la fine fatta dallo stabilimento, quel ponte non aveva più nemmeno l'utilità per la quale era stato costruito. L'operazione di demolizione, assai costosa (si parla di una cifra superiore a 200mila euro) è stata effettuata da una ditta specializzata che ha lavorato di notte, quando il traffico ferroviario è ridotto al minimo. Ovviamente sono state sospese tutte le corse in transito nei due sensi tra Orte e Terni e sono stati istituiti dei servizi di navette per quei (pochi) passeggeri che hanno avuto la necessità di viaggiare a quell'ora di notte.
(Foto prese dal profilo Facebook di Samuele Pagliaricci, che ringraziamo)
15/5/2017 ore 13:57
Torna su