Venerdì 20/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 02:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: che fine ha fatto la variante di Ripabianca? A chiederselo sono gli esponenti di Giovane Italia
A quando il completamento del tratto di strada che da via Tuderte si immette sulla Capitonese? A chiederselo è David Cleri, del coordinamento narnese della Giovane Italia, il quale vuol sapere che fine ha fatto il progetto della variante. “La rotatoria che collega via Tuderte con via della Libertà e via del Parco – afferma Cleri -, così come è oggi, rappresenta la classica opera incompiuta. Quel progetto e lo confermano le disposizioni contenute nel Prg, che prevede la costruzione di una rotonda e la realizzazione di un tratto stradale che collega via Tuderte con via Capitonese, aveva lo scopo di alleggerire il traffico dell’arteria principale, che è la vera e propria spina nel fianco degli amministratori narnesi. Ma a tre anni dalla inaugurazione della rotonda stiamo ancora aspettando l'ultimazione dei lavori, nonostante i disagi che i cittadini sono costretti loro malgrado a sopportare”. Cleri ricorda che “la situazione del traffico a Narni Scalo è da tempo insostenibile. I volumi di traffico che attraversano la frazione sono talmente elevati che capita sovente di imbattersi in ingorghi che paralzzano tutte le strade della città”. Secondo Cleri “il completamento della strada che dalla rotonda permetterebbe di raggiungere la provinciale Capitonese, senza che sia necessario attraversare via Tuderte, snellirebbe di molto il traffico e migliorerebbe anche la qualità dell’aria in alcuni punti di Narni Scalo”. Dal Comune ricordano che il progetto della variante c’è, ma non è stato ancora approvato del tutto perché ci sono delle questioni burocratiche, legate al percorso che dovrebbe seguire la nuova strada, che ne stanno ostacolando l’iter. Per non parlare dell’aspetto economico che in questo particolare momento ha un peso decisamente non secondario. Insomma ci sarà ancora da aspettare, con buona pace di quanti speravano che la variante potesse essere costruita in tempi relativamente brevi.
16/2/2011 ore 13:35
Torna su