Martedì 14/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:31
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: ancora problemi nella zona del parco pubblico, Maria Lanari (An) chiede maggiori controlli da parte dei vigili urbani
Sono esasperati. E minacciano di ricorrere al Prefetto per chiedere "quel minimo rispetto delle regole che dovrebbe appartenerci di diritto". I cittadini che abitano a ridosso del parco pubblico di Narni Scalo denunciano ancora una volta lo stato di abbandono che si registra in piazza Rossellini e nelle vie adiacenti l'ingresso dei giardini. Si parla di continue intemperanze da parte di gruppi di giovinastri, di schiamazzi e persino di atti vandalici. "Molti di noi – rivela un abitante di via del Parco che preferisce rimanere anonimo -, sono costretti a prendere il sonnifero per poter dormire, tanto e tale è il rumore assordante prodotto nottetempo dai giovani con le moto, gli stereo delle automobili e le urla continue". Il parco pubblico è considerato il luogo più a rischio di tutta Narni Scalo, quello dove di notte i controlli non ci sono tanto da rimanere in balìa di gruppi di giovani che trasformano i giardini e le zone circostanti in una sorta di territorio privato. Da Alleanza nazionale ricordano che tempo addietro "il Consiglio Comunale aveva dato mandato alla Giunta di intervenire con opere infrastrutturali e una più puntuale regolamentazione con dispositivi e segnaletiche atte a ridurre i fenomeni che davano luogo alle continue intemperanze". "Si era parlato – afferma la capogruppo Maria Lanari -, di delimitare più accuratamente l'accesso al parco a cicli, motocicli e autovetture, ma anche di controllare, soprattutto dal tardo pomeriggio in poi la zona, ma fino ad oggi non abbiamo visto nulla ed i problemi continuano. I carabinieri fanno quello che possono, ma qui è necessario che siano i vigili urbani a pattugliare in modo continuo questa zona nevralgica della città, intervenendo in modo fermo laddove si manifestino episodi di una certa gravità. Il fatto che in un recente passato proprio all'interno del parco si siano verificati addirittura degli incendi di origine dolosa, lascia intendere come la situazione non sia affatto da prendere sottogamba".

24/9/2008 ore 5:07
Torna su