Mercoledì 12/08/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 20:40
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: rifiuti abbandonati in strada di S.Angelo, gli abitanti chiedono l'intervento delle autorità
Stanno rovinando un angolo del territorio particolarmente suggestivo. E’ la mano dell’uomo a compiere l’ennesimo scempio; la sua ignoranza che lo porta ad abbandonare rifiuti sul ciglio di una strada, in mezzo ai prati, ai piedi degli alberi. Succede in strada di Sant’Angelo, a poche centinaia di metri dal quartiere di Testaccio. Quella strada, che collega la frazione con la Tiberina, fino ad alcuni anni fa era percorribile per intero, anche con automezzi, poi venne chiusa a causa di una frana e ufficialmente non è più stata riaperta al transito. Viene però percorsa ogni giorno da decine di persone che la utilizzano per fare escursioni e passeggiate, proprio per le sue caratteristiche di strada immersa nel verde. La zona è anche caratterizzata dalla presenza di costoni rocciosi situati a metà percorso, nel punto denominato Sasso Segato, dove una vecchia lapide ricorda le origini della strada inaugurata nel lontano 1864. A poca distanza da lì ci sono le “Torri di Testaccio”, ovvero due spuntoni di roccia attrezzata dove numerosi appassionati vanno ad arrampicarsi (Free Climbing). Ebbene, quasi tutto il lato destro della strada di Sant’Angelo è invaso da tonnellate di rifiuti che vengono abbandonati da gente che arriva con la macchina, accosta da una parte e fa rotolare sul burrone sottostante la propria immondizia. Questi abbandoni durano da diverso tempo e molti dei rifiuti gettati nella scarpata sono stati coperti dalla vegetazione. C’è di tutto in quella montagna di rifiuti: materassi, materiali plastici, frigoriferi, materiali inerti provenienti da cantieri edili, sacchi di plastica, gomme di automobili, sacchi di plastica pieni di chissà che cosa, persino una bicicletta e tanto altro. Sono numerosi i cittadini che ci hanno contattato per fare in modo che qualcuno provveda ad interrompere questo scempio. Intanto si chiede che le autorità preposte (Corpo Forestale, Polizia Municipale, Guardia di Finanza) facciano un sopralluogo per verificare la gravità della situazione e prendere i provvedimenti necessari; ma i cittadini si appellano al Comune affinchè, come avvenuto in passato per Strada di Funaria, anche a Sant’Angelo vengano montati dei paletti metallici che impediscano l’accesso alle auto. Un deterrente importante che porrebbe fine al viavai di quegli individui che utilizzano una zona così bella per gettare i propri rifiuti.
(Le foto, scattate dai lettori, documentano in modo inequivocabile la gravità della situazione)
23/10/2012 ore 4:06
Torna su