Martedì 11/12/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 00:21
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, ricordi di un ex cavaliere, Gabriele Di Deodato: "nella mia militanza mezulana ho vinto ben 13 anelli"
Storie di cavalieri che appartengono al passato della Corsa all'Anello. In occasione della cinquantesima edizione l'Ente Corsa ha dedicato una intera giornata proprio a loro, facendoli sfilare al campo dei giochi per rendergli così onore. Tra i tantissimi che in questi decenni hanno montato a cavallo e impugnato la lancia, c'è Gabriele Di Deodato, per lunghi anni in forza al terziere Mezule. "La mia passione per i cavalli - racconta Gabriele -, è iniziata nel 1974. Furono alcuni amici di allora a farmi innamorare di questo straordinario mondo equestre. Ma la svolta ci fu quando un giorno Fausto Modoni, che era il responsabile della scuderia di Mezule, entrando nel negozio di mio padre gli disse che se volevo potevo iniziare a frequentare la scuderia bianconera. Tutto è iniziato lì e qualche anno dopo mi ritrovai a difendere i colori mezulani al campo dei giochi, davanti a migliaia di persona. A quei tempi i cavalieri in voga erano Marco Filippetti e Francesco Carlini. Ricordo ancora il mio esordio che avvenne nel 1976; avevo solo 15 anni e montai in sella a 'Sultano 4'. Da lì in avanti fu un crescendo che mi vide presente fino al 1997. In quegli anni vincemmo un sacco di anelli: ben otto, e devo dire che ho dato il mio personale contributo per arrivare ad ottenere quei successi". Gabriele Di Deodato uscì dal terziere nel 1998, ma rientrò nel 2006 quando venne ingaggiato all'interno dello staff della scuderia mezulana. "Quello - ricorda - fu un altro bel periodo, culminato con la vittoria di cinque anelli di seguito". Dal 2010 Gabriele si è fatto da parte ed ora guarda "da spettatore" la festa e la corsa. "Il mio amore per Mezule - confida -, è rimasto inalterato. Certo, rispetto al passato oggi la corsa è cambiata parecchio. Ai miei tempi c'era, per così dire, un grosso attaccamento alla maglia che oggi non c'è più. Però la nostra Corsa all'anello è sempre una grandissima manifestazione, che non ha niente da invidiare ad altre giostre che vengono organizzate in giro per l'Italia".
11/5/2018 ore 16:22
Torna su