Domenica 16/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:52
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: proteste dei genitori per la soppressione dei volontari davanti alle scuole, dal Comune la promessa che il servizio verrà ripristinato
Volontari soppressi. La preziosa collaborazione che durante buona parte dello scorso anno scolastico un discreto numero di pensionati aveva fornito al Comune, piazzandosi davanti alle scuole del territorio negli orari di entrata ed uscita degli alunni, è stata interrotta dallo scorso mese di febbraio e non è più stata ripristinata. Fu all'indomani del tragico incidente occorso ad un dipendente del Comune, che perse la vita mentre, arrampicato su una scala, stava cambiando una lampadina in un vicolo di Stifone, che il sindaco decise di interrompere il servizio di volontariato davanti alle scuole, scatenando però le proteste dei genitori ai quali la presenza dei "nonni" armati di paletta dava una maggiore tranquillità. Per cercare di smuovere la situazione hanno provato a scendere in campo anche i responsabili delle Assemblee Territoriali, ma le loro sollecitazioni sono cadute nel vuoto. "A febbraio, quando venne deciso di interrompere il servizio – spiega Claudio Ricci della 'Narni 1' – ci venne detto che di lì a poco sarebbe stato ripristinato e che si sarebbe trattato di una breve sospensione necessaria a rivedere alcuni cavilli burocratici legati alla sicurezza di questi volontari, ma non fu così. L'anno scolastico è terminato, ci sono state le elezioni amministrative e quindi siamo tornati alla carica nel mese di luglio per chiedere al nuovo assessore di occuparsi della questione, ma siamo arrivati ad ottobre ed i volontari non hanno ancora ripreso servizio". I motivi che sarebbero alla base di questo incomprensibile atteggiamento degli amministratori, sembra riguardino esclusivamente l'aspetto della sicurezza: "non possiamo mandare delle persone allo sbaraglio, in mezzo alla strada – spiega l'assessore alla Scuola, Francesco De Rebotti -, con tutto quello che succede vogliamo sentirci tranquilli ed è per questo che i tempi si stanno effettivamente allungando. Capisco le rimostranze di molti genitori, ma vedrete che nel giro di pochissimo tempo risolveremo il problema ed i volontari torneranno davanti alle scuole".



27/10/2007 ore 12:20
Torna su