Lunedì 14/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:05
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, per il Sii è "un'estate tranquilla, senza emergenze idriche di rilievo sul territorio"
Dal Sii giungono notizie rassicuranti. Quella in corso, secondo l'ente che distribuisce l'acqua, per i cittadini della provincia di Terni è un'estate, dal punto di vista "idrico", tranquilla e senza problemi dovuti ad emergenze. In un comunicato il presidente ed il direttore generale del servizio idrico, parlano di un "servizio di autobotti ridotto del 50% nell’orvietano e del 30% nel narnese-amerino; con notevoli risparmi economici per i bilanci", ma soprattutto con un "deciso miglioramento del servizio ai cittadini". "Sono questi i dati - si legge nel comunicato stampa del Sii - del primo bilancio estivo che ha stilato il rapporto sulle emergenze estive 2013. Dai dati emerge una situazione nettamente migliore rispetto al passato con una riduzione drastica delle situazioni di difficoltà riconducibili ai sistemi di approvvigionamento e distribuzione dell’acqua. Il miglioramento della situazione - dicono dalla direzione provinciale del Sii - è dovuto in larga parte ai numerosi e consistenti interventi eseguiti dalla Sii sulle reti e sugli impianti di distribuzione che insieme alle piogge pre estive hanno determinato una situazione diversa rispetto al passato. La società ha infatti investito nell’ultimo biennio ingenti risorse per potenziare i sistemi di adduzione, operando su tutto il territorio di competenza affrontando tutte le principali priorità". infine i commenti: "E’ stato un lavoro molto importante – dicono in coro il presidente Stefano Puliti e il direttore generale Paolo Rueca – che ha consentito di risolvere molti dei problemi che avevano interessato varie zone del territorio provinciale, riuscendo ad assicurare un servizio ancora più efficiente. Molto importante è stata anche l’introduzione di nuove modalità operative. In numerose situazioni, i tecnici Sii hanno infatti lavorato di notte, evitando disagi alla popolazione sotto molti punti di vista, tra i quali lo svuotamento dei serbatoio, la riduzione della pressione durante le ore diurne e i disagi alla circolazione che possono derivare dai cantieri all’aperto". Insomma, stando a quanto dicono i due maggiori esponenti del Sii, le emergenze nel territorio narnese-amerino (e pure in quello orvietano) sarebbero pressochè inesistenti. Meglio così. Saranno contenti gli abitanti dei due comprensori.
10/8/2013 ore 2:25
Torna su