Mercoledì 23/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:51
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: per i disabili è impossibile accedere agli uffici comunali di via della Pinciana, il dispositivo che attiva il montascale è inaccessibile
Uffici comunali negati ai disabili. Succede in via della Pinciana, nel palazzo che ospita gran parte degli uffici dell'amministrazione comunale, compresi quelli del sindaco e del protocollo. I disabili in carrozzina arrivano davanti al portone, salgono sulla rampa metallica che gli consente di arrivare fino all'ingresso nel punto in cui è installato il montascale elettrico, poi sono costretti a fermarsi perché per attivare l'impianto meccanico di risalita è necessario girare una chiave che si trova ad una altezza impossibile da raggiungere per i portatori di handicap. Se c'è qualche anima buona che si incontra a passare in quel momento il problema viene risolto ed il disabile può raggiungere i piani superiori del palazzo, altrimenti il poveretto di turno è costretto ad aspettare anche dei minuti oppure a tornare indietro. "Ci vorrebbe poco a risolvere il problema – dicono dalla Assemblea Territoriale di Narni Capoluogo che sulla questione ha aperto da tempo un 'contenzioso' con gli amministratori -. Visto che a quanto sembra spostare il pannello che contiene la chiave che attiva il congegno di risalita non è possibile, basterebbe mettere, ad una altezza tale da essere facilmente raggiungibile dai disabili, un pulsante collegato ad un campanello installato al primo piano del palazzo, in modo che un usciere possa scendere ad aiutare la persona che ha chiamato". All'ufficio dei Lavori Pubblici assicurano che una soluzione "per venire incontro al disagio delle persone disabili che hanno la necessità di recarsi presso gli uffici comunali", verrà presto trovata. "Quella di un pulsante a chiamata potrebbe essere la soluzione giusta". "L'importante è che venga attuata – dicono anche dall'associazione 'Free-Life' – perché non ci pare giusto che chi si trova nelle nostre condizioni debba ogni volta trovarsi di fronte a delle barriere che solo per superficialità e trascuratezza di qualcuno diventano insormontabili".






4/10/2007 ore 5:42
Torna su