Lunedì 14/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:16
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: ottanta avvisi di garanzia a medici e infermieri, si parla di falsi ricoveri e "favori" fatti a parenti ed amici
Terremoto sanitario. Che sta interessando gli ospedali di Narni e Amelia. La notizia è venuta fuori in tarda serata ed ha subito ottenuto gli effetti deflagranti di una bomba. Si parla di un'ottantina di avvisi di garanzia che sarebbero arrivati ad altrettante persone che lavorano nei due nosocomi. La vicenda coinvolgerebbe medici, infermieri e ausiliari, e tutti sarebbero stati "avvisati" per presunte irregolarità commesse sul posto di lavoro. L'indagine risalirebbe ai mesi scorsi e farebbe riferimento a un notevole danno erariale subito dalla Asl che venuta a conoscenza della vicenda avrebbe presentato una denuncia in procura. Per dirla con parole semplici, si starebbe parlando di una truffa messa in piedi per evitare di pagare i ticket per usufruire di vari servizi sanitari: dalle semplici analisi del sangue ad altri tipi di esami. Un "sistema" che sarebbe andato a favore di parenti stretti del personale sanitario finito nella bufera o di amici ai quali non si può negare un favore. Insomma un abuso bello e buono che suona come uno schiaffo in faccia dato a tutti quei pazienti (tantissimi) che, nel rispetto delle regole e pagando regolarmente i ticket richiesti dal sistema sanitario nazionale, debbono mettersi in fila per ottenere i vari servizi e sono quasi sempre costretti ad aspettare anche dei mesi per poter fare delle visite specialistiche. L'accusa parlerebbe anche di attestazioni di falsi ricoveri e qui, se fosse vero, la faccenda andrebbe ancora di più ad ingarbugliarsi. Agli indagati sarebbe giunto l'avviso di chiusura delle indagini da parte della Procura di Terni che si è avvalsa, nella fase investigativa, del Nucleo Antisosfisticazioni e Sanità (Nas) dei carabinieri.
19/2/2013 ore 1:59
Torna su