Mercoledì 18/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:54
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: nuovi disagi per i disabili dell'associazione "Free Life" assediati dal cantiere del palazzo comunale
I disabili che fanno parte della associazione "Free Life" si trovano ancora coinvolti, loro malgrado, in situazioni spiacevoli. Dopo le annose problematiche relative alla inadeguata collocazione degli uffici assegnati loro dal Comune per svolgere attività di supporto all'ufficio informazioni municipale, ora debbono fare i conti anche con i disagi provocati dalla presenza all'interno del palazzo comunale del cantiere di lavoro che è stato allestito per permettere la ristrutturazione completa dell'immobile. I disabili qualche giorno fa hanno protestato con il direttore dei lavori di quel cantiere per via dei cattivi odori, emanati dallo sterco dei piccioni depositato in alcune stanze del piano terra, che erano costretti a respirare nell'orario di lavoro. Pare che ne sia nata una discussione durante la quale qualcuno avrebbe usato toni poco consoni alla situazione. In difesa dei disabili della "Free Life" ora scende in campo il consigliere e capogruppo dei Socialisti Federico Novelli. "I disabili dell'associazione hanno legittimamente denunciato le precarie condizioni igieniche nelle quali ultimamente si sono trovati a svolgere il loro lavoro per conto dell'amministrazione comunale – ha spiegato Novelli -. E tutti hanno potuto constatare che il problema segnalato era pressoché evidente, a dimostrazione che nessuno si era inventato nulla. Ritengo dunque fuori luogo la dura replica del direttore dei lavori del cantiere il quale, a quanto mi dicono, avrebbe usato toni accesi e fortemente polemici per rispondere alle giuste lamentele dei disabili. Oltre tutto – osserva Novelli -, credo che sarebbe stata più opportuna una risposta da parte dell'Amministrazione comunale, anziché quella di un tecnico. In ogni caso questo ennesimo episodio che ha portato ancora una volta alla ribalta i disagi che sono costretti a vivere i ragazzi che fanno parte dell'associazione 'Free Life', dimostra che da parte dell'amministrazione stessa non c'è il dovuto rispetto per queste persone che pure da tantissimi anni svolgono con competenza e professionalità un lavoro importante all'interno dell'ufficio informazioni del comune".


6/10/2008 ore 5:40
Torna su