Mercoledì 23/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:05
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Novelli (Sdi) paragona Saleppico a Bossi e annuncia una forte azione di controllo su quelle che saranno le strategie adottate dall'Asit
Non piace a Federico Novelli (Sdi), il modo in cui si è presentato alla città il neo presidente dell'Asit Sergio Saleppico. "Pensavamo - afferma il capogruppo del Partito Socialista - che l'uso di un linguaggio colorito fosse appannaggio di quelli della Lega e del suo fondatore ma a sentire le parole del neo presidente dell'Asit 'tolleranza zero verso chi sporca', evidentemente Umberto Bossi ha fatto proseliti anche qui da noi". Novelli si chiede, insomma, se è il caso di preoccuparsi; poi continua. "Prendiamo atto - dice - delle intenzioni espresse dal 'mite' Saleppico sulla necessità di una nuova linea manageriale da applicare all'azienda, indipendente da pressioni esterne e anche da quelle dello stesso sindaco, ma ci preme di più sottolineare il passaggio nel quale si evidenzia l'intenzione sull'uso della collegialità nelle decisioni, visto che all'interno del Cda dell'Asit sono stati nominati due giovani professionisti che in termini di contributo specifico sono certamente preparati e quindi indispensabili per qualsiasi scelta che l'azienda dovrà intraprendere". poi dopo il "bastone" ecco la "carota". "Avremmo preferito - spiega Novelli - che per la nomina a presidente si fosse scelto tra una rosa di veri manager, in possesso di un curriculum adeguato e non che si optasse per un politico, viste le esperienze negative che si sono avute in questi anni in aziende della nostra provincia. Tuttavia abbiamo dato il nostro assenso alla proposta del sindaco, ritenendo che la soluzione trovata potesse essere messa alla prova dei fatti vista la sua composizione complessiva. Attendiamo ansiosi i risultati - conclude Novelli - che, ci auguriamo, siano positivi per tutti, con un atteggiamento benevolo di sostegno ma con altrettanta determinazione a non fare sconti a nessuno in caso di scarso rendimento".
1/9/2009 ore 0:48
Torna su