Giovedì 09/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:01
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: martedi 21 giugno a Palazzo Eroli incontro pubblico per parlare della solidarietà in Colombia
La Rete italiana di solidarietà Colombia Vive, in collaborazione con il Comune di Narni e l’Associazione Narni per la Pace promuovono un incontro pubblico sul tema Colombia: la geografia della speranza, un processo di democrazia partecipativa nel contesto di un conflitto armato: l’esperienza del Municipio Indigeno di Caldono ( Cauca, Colombia), che si terrà a Narni, presso la Sala del Camino di Palazzo Eroli, martedì 21 giugno alle 18. Interverranno Andrea Proietti, presidente Rete Colombia Vive, Rubén Darìo Pardo Santamaria, dell’Università del Quindìo, Fernando Nivia, Assessore del Comune di Caldono, e Francesco De Rebotti, Assessore alla Cooperazione e Pace del Comune di Narni. "Il dibattito sui principi che regolano la democrazia - è scritto in un comunicato inviatoci da Rete Italiana Colombia Vive -ha riempito negli ultimi tempi le pagine dei maggiori quotidiani italiani, evidenziando quanto questa sia un cammino, un processo da compiere che non può mai considerarsi concluso. La democrazia è un metodo da sperimentare con le regole semplici della partecipazione, della condivisione e del confronto. Lontano da essere solo luogo di negazione e di violazione dei diritti umani, la Colombia fornisce esempi di processi di resistenza che dal basso formulano e praticano proposte alternative di vita e di diritto nel contesto del conflitto armato. In risposta alla violenza che caratterizza la regione del Cauca, l’amministrazione comunale di Caldono, attraverso nuove strategie di condivisione, sta sperimentando un percorso di governabilità locale che garantisce la partecipazione effettiva delle comunità contadine e indigene da sempre escluse dalle decisioni che riguardano il bene pubblico. È proprio l’interazione tra il Comune e le comunità indigene e contadine a costituire la peculiarità di questa esperienza, che ha ricevuto importanti riconoscimenti nazionali e internazionali".
16/6/2011 ore 16:15
Torna su