Mercoledì 21/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:53
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, Marcotulli (Ulivo) attacca Persio (Terzo Polo) sulla questione del nuovo ospedale unico: la nuova struttura è necessaria, altro che referendum!
Giancarlo Marcotulli contro Mario Persio. Nemici in campagna elettorale (il primo sostiene Bigaroni, l'altro è il candidato sindaco del terzo Polo), ma soprattutto avversari per quanto riguarda la realizzazione dell'ospedale unico di Narni-Amelia. Persio, nel giorno della presentazione delle liste che sostengono la sua candidatura, disse chiaramente di non volere l'ospedale comprensoriale: "spetta ai cittadini narnesi decidere; si faccia un referendum". La netta affermazione di Persio aveva preso lo spunto da una teoria sulla quale si basa da sempre Valbruno Bontempo, candidato nella lista "Uniti per Narni" (quella pro-Persio) impegnato da anni con Cittadinanza Attiva e sempre in prima linea nelle numerose battaglie portate avanti dal Tribunale per i diritti del malato. Posizioni che non vedono per niente d'accordo Giancarlo Marcotulli, consigliere uscente dei Ds e funzionario dell'ospedale di Narni. "Ci vuole coraggio in un'epoca come quella attuale – afferma Marcotulli – sostenere che un grande ospedale comprensoriale non si debba costruire e che invece bisogna andare avanti con vecchie ed antiquate strutture. Persio avrà le sue ragioni per supportare certe teorie, ma ho ragione di credere che non conosca bene la situazione e che quindi abbia rilasciato certe dichiarazioni sulla base di informazioni poco dettagliate. Intanto è opportuno ricordare che la realizzazione dell'ospedale comprensoriale è ormai un fatto acclarato e che le istituzioni hanno già dato il via alla fase che riguarda la progettazione; credo dunque sia più opportuno concentrarsi sul presente e sul futuro prossimo e prendere di petto aspetti importanti, quali quelli riguardanti la salvaguardia delle ottime professionalità delle quali oggi possono fregiarsi i due presidi ospedalieri di Narni e di Amelia. Dico, insomma, che è quanto mai necessario razionalizzare i servizi dei due nosocomi e organizzarli al meglio da qui al giorno in cui l'ospedale unico verrà finalmente consegnato ai cittadini. Per quanto riguarda Narni – continua Marcotulli – si tratta a mio avviso di concentrare e potenziare i reparti di ortopedia, ostetricia e ginecologia, pediatria e chirurgia generale, oltre agli ambulatori specialistici, al day hospital oncologico ed al servizio di terapia antalgica. Amelia, che dispone di altre eccellenze rispetto a Narni, andrebbe fatto lo stesso tipo di intervento a favore dei reparti di medicina generale, cardiologia, oculistica (con una opportuna sistemazione della camera operatoria) e anche qui potenziamento del day hospital oncologico e quello dei vari ambulatori specialistici. Solo così gli attuali ottimi professionisti rimarrebbero ad operare presso i due ospedali e sarebbero pronti per la nuova struttura comprensoriale".
12/5/2007 ore 5:10
Torna su