Giovedì 02/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:00
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: l'assessore Proietti Grilli si oppone al trasferimento della Pala del Ghirlandaio a Palazzo Eroli: "E' una spesa inutile!"
"Non spostate la Pala del Ghirlandaio". Enzo Proietti Grilli, assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Narni, ha dichiarato guerra a quanti dei suoi colleghi cercheranno di portare avanti il progetto che prevede lo spostamento di questa grande opera dalla sala consigliare, dove si trova da tempo immemorabile, a Palazzo Eroli. "E' una pazzia – osserva Proietti Grilli – pensare di spostare quello che per tutti i narnesi rappresenta un simbolo della città e che dunque merita di rimanere all'interno della sala che più di ogni altra li rappresenta. Mi dite con quale criterio si vorrebbe trasferire la pala del Ghirlandaio a Palazzo Eroli e rinchiuderla in una stanzetta dove perderebbe gran parte del suo fascino, perché non si avrebbe più la possibilità di ammirarla da una adeguata distanza come è stato possibile fare sino ad oggi? Chi ha pensato a questa soluzione non si rende conto della penalizzazione che verrebbe inflitta ad un'opera così straordinaria". Ma Proietti Grilli si spinge oltre e parla anche dei soldi che ci vorrebbero per trasferire la pala dal palazzo comunale a Palazzo Eroli. "Ci vogliono ben 50.372 euro che di questi tempi sono una cifra che il Comune non può permettersi di spendere. La pala, per le sue dimensioni, non può passare dalla porta e dunque bisognerebbe abbattere un pezzo di muro della sala consigliare ed aprire anche una breccia a palazzo Eroli. Soldi buttati al vento. Usiamoli per fare altro". Anche l'assessore al Trusimo è più o meno della stessa idea: "Il progetto che prevede un percorso turistico c'è e Palazzo Eroli dovrà diventare il punto di riferimento di questo percorso – avverte – ciò non toglie che non si possa lasciare la pala del Ghirlandaio dove è adesso ed allargare in questo modo il circuito museale della città".
2/12/2006 ore 11:45
Torna su