Sabato 14/12/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 14:21
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: l'Anas ha deciso e nei prossimi giorni darā il via all'intervento di ristrutturazione della statale Flaminia nella zona di Ponte Aia
Non sarā necessario ricorrere all'intervento del prefetto. Sono bastate le ultime sollecitazioni da parte delle decine di famiglie che vivono lungo il tratto della Flaminia che va da Berardozzo a Ponte Aia, riguardanti la necessitā di intervenire con urgenza onde riparare le decine di buche che si sono aperte da pių di un mese sull'asfalto, a fare in modo che l'appello venisse raccolto. La strada, nell'intero tratto, verrā asfaltata di nuovo e questo permetterā di ridare alla importante via di comunicazione un aspetto decente e soprattutto quella sicurezza che era venutala mancare a seguito delle copiose piogge cadute nei mesi di novembre e dicembre. Ad annunciare l'avvio dei lavori č stato l'assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Narni Simona Bozza, la quale fa sapere che "il Comune aveva provveduto tempestivamente a chiedere l'intervento dell'Anas, che č poi l'ente proprietario della strada". "Finalmente – continua la Bozza – dopo numerose sollecitazioni siamo arrivati ad un accordo e giā nei primi giorni di questa settimana faremo insieme ai tecnici dell'Anas un intervento congiunto attraverso il quale dovremo verificare i sistemi di drenaggio di quel tratto della Flaminia. E' stato infatti a seguito delle abbondanti piogge che l'asfalto č saltato, dando luogo alla apertura di profonde ed ampie buche; dunque prima di rifare la pavimentazione dovremo vedere quali sono i punti critici attraverso i quali l'acqua piovana si fa largo andando a creare i problemi che sappiamo". L'intervento, che avrā un costo cospicuo per l'ente che si occupa della manutenzione delle strade di proprietā dello Stato, farā tirare un sospiro di sollievo non solo ai tanti abitanti della zona, ma anche alle centinaia di automobilisti che ogni giorno sono costretti a transitare su quel tratto di strada.
19/1/2009 ore 16:49
Torna su