Martedì 22/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: la Lanari (An) non crede ai progetti sul potenziamento dell'edilizia scolastica e critica gli amministratori comunali
Non crede ai progetti illustrati dall'assessore e riguardanti il piano di investimenti previsto per ilpatrimonio scolastico comunale. Maria Lanari (consigliera di Alleanza Nazionale), spara a zero contro la giunta Bigaroni e ricorda come fino ad oggi "proprio riguardo alle scuole siano state dette tante bugie". La Lanari si riferisce alla scuola elementare di Ponte San Lorenzo, "che durante la campagna elettorale era stata uno dei punti di forza del sindaco che aveva parlato di una realizzazione che non sarebbe andata oltre l'inizio dell'anno scolastico testè terminato". ""Non solo - riferisce la capogruppo di AN - quella scuola non è mai stata costruita, ma la vecchia struttura presenta delle criticità sia a livello strutturale che soprattutto logistico, tanto da renderla assolutamente non idonea e molto pericolosa, data la sua ubicazione. Il mutuo contratto per realizzare la scuola venne utilizzato per l'acquisto e la ristrutturazione dell'ex Cinema Vittoria e per sostenere le spese necessarie a far diventare quella sala anche un'aula magna per l'università. L'amministrazione aveva comunque promesso che nel bilancio di previsione del 2008 avrebbe acceso un nuovo mutuo per la scuola di Ponte San Lorenzo ma questo non è accaduto a causa del forte indebitamento in cui versa il Comune, e così per finanziare l'intervento si è deciso di ripiegare sui proventi che entreranno nelle casse del Comune attraverso le alienazioni di palazzi e proprietà dell'amministrazione. Ma non c'è da farsi illusioni perché non è che ci sia la fila di imprenditori pronti a pagare milioni di euro per acquistare strutture imponenti e costose come Palazzo Sacripanti, quando ancora oggi il Comune sta pagando la rimanenza di un vecchio mutuo acceso per terminare i lavori di quello stesso palazzo. Ritengo quindi che sia improbabile attuare in tempi ragionevoli l'appalto per l'inizio lavori di un progetto complesso come quello della nuova scuola di Ponte San Lorenzo, che prevede la costruzione anche di aule per la Materna ed anche una palestra. Come si fa, allora - si chiede Maria Lanari - a parlare addirittura di nuovo complesso scolastico comprensoriale a San Liberato, quando c'è Ponte San Lorenzo che è in lista di attesa da almeno una decina di anni?".


22/6/2008 ore 14:15
Torna su