Venerdì 25/09/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:01
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
<
Narni: la città piange la scomparsa di Luca e rivolge un pensiero affettuoso alla moglie Michela ed ai due figlioletti
Un'altra giovane vita stroncata. Un altro figlio di Narni che se ne va prematuramente. La notizia del tragico incidente verificatosi nel pomeriggio di sabato nei pressi di Taizzano e costato la vita a Luca Rubini, ci ha messo un pò a diffondersi. Ma è bastato che nella tarda serata il tam-tam rimbalzasse sui portali online e sui social network perchè in tanti venissero a sapere della tragedia. E così è iniziato un tragico passa parola che ha fatto il giro delle case e dei locali. Incredulità, dolore, disperazione, queste le immediate sensazioni mostrate da tutti quelli che conoscevano Luca, quando sono venuti a conoscenza della sua morte. Succede sempre così quando ad andarsene, peraltro in un modo così tragico e repentino, è un giovane. Non è facile capacitarsi del fatto che un ragazzo pieno di vita, incontrato magari solo poche ore prima, non ci sia più. Il pensiero di tutti, immancabilmente è corso poi ai due figli piccolissimi di Luca ed alla moglie. Tutti e quattro formavano una famiglia bellissima e venivano indicati da tanti come un modello di felicità. Basta guardare le foto presenti su Facebook per rendersi conto di quanto Luca fosse felice, con la moglie e i due figlioletti e di quanto fossero attaccati gli uni agli altri. Il destino, crudele come non mai, ha deciso che quella felicità dovesse essere spezzata, che una ragazza di appena 33 anni dovesse diventare vedova e che quei due bimbi meravigliosi ed innamorati del papà, diventassero improvvisamente orfani. Una tragedia nella tragedia, dunque, che rende ancora più acuto il dolore dei congiunti e di una città intera. Dovrà farsi tanta forza Michela, la moglie di Luca, perchè l'aspetta un compito arduo, quello di dover spiegare ai suoi bimbi che il papà non c'è più; che è volato in cielo. Loro sono piccoli e non riusciranno a capire il significato di queste parole, ma è il destino che ha voluto così e davanti al destino nessuno di noi, purtroppo, può fare nulla. Possiamo solo sperare che da lassù sia proprio Luca a dare la forza necessaria ad affrontare questa durissima realtà alla sua compagna, ai suoi genitori a tutti gli altri congiunti e a quanti gli hanno voluto bene nel corso della sua breve vita terrena.
5/10/2014 ore 6:10
Torna su