Giovedì 14/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:43
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: ingorghi al Suffragio, per salire da Tre Ponti a via Roma in questi giorni di festa ci vogliono anche 45 minuti
Tre quarti d’ora per salire da Tre Ponti a Via Roma, passando per il Suffragio. Un tempo record che in questi giorni sta diventando una consuetudine per i malcapitati automobilisti che nel tentativo di accorciare scelgono la “corta” di Santo Pietro non sapendo però a cosa vanno incontro. Le situazioni più critiche si sono registrate nell’ultimo fine settimana, quando in città è aumentato il numero dei visitatori venuti per seguire la festa o partecipare a mostre e convegni. Stando agli episodi che si sono verificati ed alle proteste di decine di automobilisti qualcosa non ha funzionato nel servizio riguardante il controllo della viabilità che è stato gestito dal comando della Polizia Municipale. Sabato mattina in occasione del mercato settimanale nella zona del Suffragio si sono verificati frequenti ingorghi, ma il peggio sarebbe dovuto arrivare nel pomeriggio dello stesso giorno ed in quello della domenica. I vigili urbani, coadiuvati nel servizio dal personale ausiliario – i cosiddetti “canarini” – hanno “intasato” con la loro presenza via Roma ma non si sono preoccupati di piazzare almeno un uomo nel piazzale del Suffragio, ovvero nel punto nevralgico della situazione. Risultato: traffico bloccato con lunghe code che da Tre Ponti arrivavano fino al Suffragio e automobilisti su tutte le furie per il disagio di trovarsi in una situazione che nessuno di loro si sarebbe aspettato di trovare salendo verso il centro. A mandare in tilt il sistema, oltre alla scarso modo di gestire il servizio da parte dei vigili, anche il mancato rispetto dei cartelli che indicano il divieto di sosta nel piazzale del Suffragio e nelle strade di collegamento. Decine di auto in divieto di sosta che hanno contribuito a creare dei restringimenti con conseguenti ingorghi. Sarebbe stato sufficiente posizionare un vigile nel piazzale che si occupasse di far rispettare la segnaletica e tutto sarebbe filato liscio.
9/5/2006 ore 5:24
Torna su