Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:30
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: in consiglio si discutono le linee programmatiche di Bigaroni, critiche ma anche condivisioni sui punti più importanti
Le "linee programmatiche di governo" approdano in consiglio comunale. E stimolano una lunga discussione che ha fatto scivolare fino all'una e mezza di notte il consesso cittadino. Per molti consiglieri, soprattutto quelli di minoranza, c'era grande attesa di poter esprimere la propria opinione sulle linee guida tracciate qualche settimana prima da Bigaroni e mai discusse, ma alla fine è finita in pareggio con le prevedibili critiche che sono state bilanciate da una sostanziale forma di condivisione, soprattutto riguardo alle opere principali che la nuova Giunta ha in animo di attuare. I contenuti del robusto dossier presentato dal sindaco parlano di impegni importanti, rivolti a cambiare in modo pressoché sostanziale il volto del territorio nei prossimi cinque anni , quelli del "maturo sviluppo integrato", come li ha definiti lo stesso sindaco. Bigaroni ha sottolineato il ruolo di Narni "che trovandosi geograficamente tra Roma e Terni può svolgere un ruolo significativo e trarne dei profitti", ed ancora le occasioni importanti rappresentate dal completamento di progetti di sviluppo legati al ruolo della Rocca, dell'area ex Spea e del complesso de "Le Grazie". Nel programma del sindaco ci sono poi altre voci importanti: il potenziamento dei servizi a rete, le politiche di sviluppo turistico e quello dei servizi culturali, i lavori pubblici e "una sempre maggiore interazione tra pubblico e privato per l'attuazione di tutte quelle iniziative che possano in qualsiasi modo promuovere Narni ed il territorio". Secondo Maria Lanari (An) "in questo programma non si è tenuto conto del problema urbanistico, che attanaglia il nostro territorio" ed ha fatto riferimento ai "gravi problemi di viabilità che assillano Narni centro e lo Scalo". Alfonso Morelli (Prc) nel suo intervento ha sottolineato invece "la mancanza di attenzione verso una politica ambientale adeguata alle problematiche di un territorio come quello narnese".




14/9/2007 ore 11:53
Torna su