Venerdì 19/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:26
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il Consiglio Comunale dichiara guerra al Sii, "troppi ritardi su manutenzione e riparazioni"
Il Consiglio Comunale di Narni dichiara guerra al Sii (Servizio Idrico Integrato). Con un ordine del giorno approvato nell’ultima seduta, il massimo consesso cittadino “ordina” al Sii di cambiare registro e di occuparsi della rete idrica del territorio narnese, obsoleta e piena di “falle”. I consiglieri hanno puntato l’indice “sui ritardi degli interventi di manutenzione e riparazione, con spreco di risorsa idrica inaccettabile”. Poi sul servizio di call-center, “che mostra limiti notevoli nel fornire adeguate informazioni e nel dare risposta ai numerosi cittadini che chiamano per inoltrare richieste, reclami e segnalazioni.” “Tali problematiche – si legge nell’odg - stanno diventando sempre più frequenti, discendono dalla scarsezza di risorse ma soprattutto, da una struttura di governance ridondante e disarticolata”. Secondo i consiglieri comunali che hanno approvato l’atto, “per affrontare e risolvere le problematiche esistenti, si rende necessaria in primo luogo la semplificazione dei soggetti operativi che, da tre dovrebbero passare a uno, sul modello del sistema dei rifiuti. La riduzione dei livelli di governance, oltre a produrre un risparmio sotto il profilo organizzativo e la diminuzione delle inefficienze, comporterebbe anche un taglio dei consigli di amministrazione, ciò comprimerebbe la spesa e conseguentemente i costi in bolletta anche in considerazione del fatto che, allo stato attuale, ci troviamo al 25' posto nella classifica nazionale tra le località che pagano la tariffa più cara”. Gli interventi più urgenti da affrontare sul territorio riguardano: il nuovo sistema idrico di Sant’Urbano-Castelvecchio, la ristrutturazione del serbatoio di Portecchia, la carenza idrica a Selvantica, Cigliano, Taizzano e Treie, la depressurizzazione e l’eventuale creazione di un bypass sulla linea idrica a Santa Maria della Quercia, la creazione di impianti di depurazione a Guadamello, la potabilità dell’acquedotto di San Vito e Guadamello e la creazione della nuova fognatura in Strada della Selva.
30/11/2013 ore 5:43
Torna su