Lunedì 11/12/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:58
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il comune stringe un patto di amicizia con Civita di Bagnoregio, la "Città che muore"
Un patto di amicizia ed interscambio per la promozione turistica e culturale sarà siglato tra Narni e Civita di Bagnoregio (Viterbo). Ne danno notizia il sindaco, Francesco De Rebotti, e l’assessore a turismo e cultura, Lorenzo Lucarelli, che hanno invitato a Palazzo del Podestà il sindaco della cittadina laziale, Francesco Bigiotti, e il vice Luca Profili. Durante il primo incontro, propedeutico all’intesa, si è parlato delle principali attrattive che possono mettere a disposizione le due città. Bigiotti ha illustrato le caratteristiche di quello che viene ormai conosciuto come “modello Civita” e che è stato in grado di fare della cittadina del viterbese uno dei più importanti attrattori turistici dell’alto Lazio e del centro Italia. Narni ha presentato le bellezze dei suoi sotterranei, prefigurando l’opportunità di metterli in relazione con quelli della realtà laziale, illustrando anche il patrimonio culturale, quello storico e quello medievale, tra cui la Corsa all’Anello. I due sindaci hanno discusso, inoltre, della possibilità di interscambio anche nel settore cinema con 'Le Vie del Cinema' a Narni e 'Civita Cinema a Bagnoregio', sulla scorta della serie Disney delle Cronache di Narnia e del fascino di Civita, spesso scelta come set cinematografico da grandi registi. “Siamo pronti a mettere in campo scambi e collaborazioni per crescere insieme”, hanno detto Bigiotti e Profili. “Siamo molto soddisfatti del patto di amicizia stretto con Bagnoregio – hanno dichiarato De Rebotti e Lucarelli – perché ci permette di ampliare il sistema di rapporti interistituzionali nell’ottica di una collaborazione fra realtà limitrofe e che puntano entrambe su settori importanti come quelli del turismo e della cultura. Siamo certi che un interscambio di questo genere possa essere positivo sotto molti aspetti e portare reciproci vantaggi”.
5/12/2017 ore 12:26
Torna su