Martedì 22/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:39
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il comune ha verificato: nella tettoia del palazzo dei Priori c'è davvero l'amianto, ma per ora l'eternit resta lì
Quella tettoia è proprio ricoperta di eternit e dunque contiene amianto in quantità sicuramente preoccupante. Un sopralluogo dell’ingegner Pietro Flori, dirigente dell’ufficio tecnico comunale, ha dissipato ogni dubbio ed ha confermato che i pannelli che una quarantina di anni fa sono stati montati sulla tettoia che si trova dietro al finestrone principale degli Scolopi, al secondo piano di palazzo dei Priori, sono di eternit. Una ventina di metri quadrati in tutto, ben visibili dal ballatoio situato all’interno di una sorta di piccolo cortile sul quale si affacciano una serie di porte che danno in alcuni appartamenti ed all’interno della locale sezione dei Democratici di Sinistra. E sono stati proprio i diesse narnesi a chiamarsi fuori da ogni responsabilità. “Noi l’uso di quel cortile non ce l’abbiamo in quanto paghiamo al comune un affitto di circa 200 euro per occupare solo le stanze interne-ha chiarito Gianni Giombolini segretario della sezione-ciononostante in passato è capitato di aprire la porta che immette sul ballatoio ma francamente nessuno di noi si è mai accorto che quella tettoia fosse in eternit e che quindi potesse contenere amianto”. Il comune non sembra abbia intenzione di rimuovere a breve quelle lastre. “Non ci sono pericoli immediati-ha spiegato Flori-i pannelli mi sembrano integri e quindi l’amianto non può disperdersi nell’aria. E’ ovvio che nel prossimo intervento che andremo a fare per completare i lavori negli appartamenti che sono stati già ristrutturati, provvederemo anche ad eliminare quella tettoia”. Quello che risulta strano è come mai in tanti anni nessuno abbia notato quella tettoia che oggi è in parte ricoperta da erbacce e dove è cresciuta anche una robusta pianta di fico”.
30/7/2004 ore 11:45
Torna su