Lunedì 17/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:54
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: grande attesa per il pellegrinaggio al santuario della Madonna del Ponte in programma domenica 13 settembre
Recuperando la tradizione devozionale dei cammini a piedi verso luoghi santi, la ripresa dell´attività pastorale diocesana vedrà la comunità ecclesiale riunita nel pellegrinaggio al santuario della Madonna del Ponte di Narni Scalo, che si terrà domenica 13 settembre. Un pellegrinaggio per scendere più in profondità nella fede e nella storia, per cogliere una nuova forza, una nuova ispirazione, un impegno concreto nella società e nel mondo, e che è divenuto un appuntamento di comunione e di condivisione dell´intera diocesi, legato ad uno dei più importanti santuari mariani del territorio. I pellegrini convergeranno al Santuario della Madonna del Ponte da diversi punti d´incontro: per la forania di Narni l´appuntamento è alle 6 nella Concattedrale di Narni, per la forania di Amelia e della Valle Teverina nella parrocchia di S. Antonio da Padova a Narni Scalo alle 16, e per la le foranie di Terni nella parrocchia di SS.Rita e Lucia a Narni alle 16. Per chiunque volesse conservare la tradizione del pellegrinaggio anche su distanze maggiori, dalla propria parrocchia o da altri luoghi significativi, viene messo a dispozione un servizio di accompagnamento. Dopo la preghiera iniziale, i pellegrini a piedi raggiungeranno il Santuario dove, alle 18, il vescovo Vincenzo Paglia presiederà la celebrazione conclusiva con i sacerdoti e fedeli della diocesi, una preghiera comunitaria di affidamento dell´intera comunità alla protezione della Madonna. Quella del pellegrinaggio alla Madonna del Ponte, copratona della diocesi, è un´antica tradizione legata ad uno dei più importanti santuari mariani del territorio dove è custodita l'immagine di Maria con il Bambino, affrescata nella grotta all´interno del santuario, risalente al 1050 e da sempre molto venerata. Già in quel periodo viandanti e pellegrini di passaggio lungo la via Flaminia avevano l´abitudine di soffermarsi davanti alla grotta, in segno di venerazione e di culto per la Madonna. Attorno alla grotta venne costruito il Santuario, consacrato poi nell´anno 1728. Con il tempo la popolarità della Madonna del Ponte si accrebbe notevolmente, tanto che nel 1754 l´immagine sacra fu solennemente incoronata. Un pellegrinaggio che nella devozione mariana, nella cultura dell´amore e della pace, trova le sue radici. Le stesse che sono proprie della storia umbra, nella memoria di testimoni importanti di questa civiltà dell´amore, due pilastri della cultura di pace che ancora oggi sono fonte di ispirazione: san Benedetto e san Francesco.
9/9/2009 ore 13:33
Torna su