Lunedì 21/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:49
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: De Rebotti disegna la nuova giunta, quasi certi i nomi di Mercuri, Bernardini e Lucarelli
Mezza giunta sarebbe già pronta. Si tratterebbe solo di completare la compagine. Il responso delle urne ha in qualche modo determinato quelle che, con ogni probabilità, saranno le scelte del sindaco De Rebotti e delle segreterie dei partiti. Non dovrebbe, quindi, essere un lavoro complicato sistemare i vari "tasselli". Si tratta soltanto di individuare i personaggi giusti per quei posti che ad oggi risulterebbero essere "vacanti". Ma andiamo con ordine. Sul fatto che Marco Mercuri, vice sindaco uscente con deleghe a Tributi, Viabilità, Polizia Municipale, Urbanistica ed altre, verrà riconfermato negli stessi ruoli non sembrano esserci dubbi. L'ottima performance del socialista, che ha raccolto addirittura una quarantina di preferenze in più rispetto a cinque anni fa, lo mettono in una botte di ferro. Va sottolineato il ruolo che, anche in questa consultazione, hanno avuto i socialisti a Narni. Senza i loro 829 voti (8,56%) sarebbe stato difficile evitare il ballottaggio e mantenere, dunque, la maggioranza. Mercuri dovrà dimettersi, lasciando un posto libero e qui scatta il "ripescaggio" a favore di Federico Novelli, primo dei non eletti nelle fila del Psi. Ripescaggi in vista anche nel Partito Democratico dove Lorenzo Lucarelli si appresta a fare il grande salto. L'ottimo risultato riportato alle elezioni (ben 419 preferenze) ha spalancato le porte al giovane e bravo consigliere comunale. A Lucarelli il sindaco potrebbe affidare le deleghe appartenute fino a qualche giorno fa a Gianni Giombolini, ovvero Lavori Pubblici, Cultura e Turismo. A trarre vantaggio della eventuale promozione ad assessore di Lucarelli sarebbe quel Daniele Latini, bocciato dagli elettori ma "promosso" dal curioso gioco dei ripescaggi. Latini, grazie alle preferenze in più (solo 2) vantate nei confronti di Massimo Fociani rientrerebbe nel giro dei consiglieri del Pd. Una donna che, quasi sicuramente, entrerà a far parte della nuova giunta dovrebbe essere Silvia Bernardini, eletta consigliere nella lista "De Rebotti". La Bernardini ha un palmares di tutto rispetto, avendo ricoperto per tre anni la carica di assessore provinciale alle Attività Produttive, Prevenzione e Protezione Civile e alle Attività Estrattive della Provincia di Macerata ed ancora prima (per due mandati) quella di sindaco di Ussita (Mc). Deciderà De Rebotti quali deleghe affidare alla Bernardini. Resterebbero vuote un paio di caselle. Con la fuoriuscita dai gruppi consigliari di Sel (oggi Sinistra Italiana) e di Sinistra per Narni, il sindaco dovrà "muoversi" tra gli appartenenti al Partito Democratico oppure pescare esternamente. Ma in questo caso dovrebbe scegliere con attenzione, affidandosi a dei "tecnici" che abbiano delle valide attitudini per il ruolo che gli verrebbe affidato e godano della fiducia dei gruppi che formano la coalizione di maggioranza.
14/6/2017 ore 1:55
Torna su