Lunedì 25/03/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:54
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, cittadini coinvolti nel piano sanitario regionale, Bruschini: "è una nostra iniziativa"
"Sarà portata a conoscenza di tutti i cittadini la bozza del nuovo piano sanitario dell’Umbria 2018-2020". Il consigliere Sergio Bruschini (FI) ricorda che "è stato grazie ad una mia richiesta, accolta dal sindaco e dal Consiglio Comunale, che si è arrivati al coinvolgimento dei cittadini narnesi". Prossimamente, dunque, si terrà a Narni un'importante sessione di partecipazione, presentazione e discussione sul nuovo piano sanitario. "L'assessore Barberini - spiega Bruschini -, si è reso disponibile a venire a Narni in Consiglio a sessione aperta alla cittadinanza e non poteva certo esimersi, considerato che questo strumento non dovrà essere 'calato dall'alto' ma costruito dal basso, attraverso un'ampia partecipazione della comunità regionale e di tutte le categorie interessate. Narni ed il territorio sono certamente interessate alla realizzazione del nuovo ospedale ma non solo. Il tema della salute e dei servizi sanitari traguardano la costruzione dell’ospedale. Da quanto si sa dalle anticipazioni e dalle sessioni partecipative già avvenute in altri consessi, tra gli obiettivi principali del nuovo Piano ci sono 'l'abbattimento delle liste di attesa, la realizzazione di una sanità di prossimità, il potenziamento della prevenzione, dei servizi territoriali e delle cure primarie, la riorganizzazione della rete di emergenza-urgenza, un maggiore sostegno alle persone più fragili, più attenzione alla formazione e all'Università, la riqualificazione della rete ospedaliera, una stretta sinergia con quanto previsto dal Piano regionale per la prevenzione e dal Piano sociale regionale già approvati'. Temi sui quali - conclude Bruschini -, il Consiglio e tutti i cittadini devono essere portati a conoscenza e o a proporre anche punti di vista e soluzioni e non trovarsi di nuovo a scelte avvenute con una sanità di serie B".
27/2/2019 ore 4:15
Torna su