Giovedì 09/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:55
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: cani senza guinzaglio lungo il percorso ciclo-pedonale delle gole del Nera, la gente non si sente tranquilla
Cani sciolti. Che rappresentano un potenziale pericolo per le persone, ma anche per altri cani di dimensioni più piccole. Sono alcuni lettori di Narnionline a denunciare questo tipo di fenomeno che da qualche tempo si starebbe verificando lungo il nuovo percorso ciclo-pedonale delle Gole del Nera. Parliamo, in buona sostanza, del vecchio tracciato della linea ferroviaria della Orte-Falconara che è stata trasformata in un percorso "verde". In realtà quel percorso non è ancora stato inaugurato ma sono già numerosi i cittadini che vi vanno a fare delle passeggiate. Per ammirare il panorama, che in alcuni punti è davvero suggestivo, ma soprattutto per fare quattro passi lontano dalle strade intasate dal traffico. Semplici cittadini amanti del footing e delle passeggiate campestri. Qualcuno di loro ne approfitta per portarsi il cane, ma è a questo punto che sorgono i problemi, in quanto non tutti tengono al guinzaglio le loro "bestiole". Ora, fin quando si parla di cani di piccola taglia il problema non sussiste perchè oltre qualche normale scambio di abbai, gli animali non vanno; le cose si complicano quando qualcuno decide di lasciare liberi di scorazzare cani di grossa taglia. E questo, stando a quanto riferiscono alcuni cittadini, accadrebbe piuttosto frequentemente. Le bestie, oltre a rivolgere le loro attenzioni agli altri cani che incrociano, diventano pericolose anche per le persone, che temono di essere aggredite e addirittura morse. Insomma, chi frequenta quei luoghi chiede una maggiore attenzione e l'uso di buon senso da parte dei proprietari dei cani. Questi animali, soprattutto quelli di grossa taglia, vanno tenuti a guinzaglio e non lasciati liberi come accade da qualche tempo.
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
28/1/2016 ore 3:53
Torna su