Giovedì 24/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 00:13
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: affitti alle stelle dopo l'arrivo dell'università, ci sono addirittura studentesse che per risparmiare vivono a bordo di un camper
Inversione di tendenza. Dopo anni bui, durante i quali le vie del centro storico brulicavano di cartelli con su scritto "affittasi" o "vendesi", a Narni oggi è diventato difficile trovare un buco dove alloggiare. Merito dell'università che nel giro di appena un anno ha portato a Narni qualcosa come un migliaio di studenti, buona parte dei quali venendo da lontano ha la necessità di trovare casa. E così molti narnesi hanno colto al balzo l'occasione, dando una sistemata a vecchie abitazioni, mettendoci dentro qualche mobile o rispolverando quelli della nonna e via. Ma non sono tutte rose e fiori, perché purtroppo ci sono molti (troppi) cittadini che pensando di fare i furbi hanno alzato di brutto le parcelle degli affitti arrivando a chiedere anche 300 euro pro capite a ragazzi che in quattro debbono dividere due stanze più servizi. Un salasso che ha indotto più di qualche studente a rivolgere altrove le proprie attenzioni: "se devo pagare cifre del genere – spiega una ragazza del Sud iscritta al primo anno del Corso su Scienze della Investigazione e della Sicurezza -, mi adatto anche a prendere casa fuori dal centro storico, magari a Narni Scalo, Terni o addirittura a Sangemini, dove tra l'altro ci sono altre due mie amiche che hanno iniziato il corso un anno fa". Ma succede anche che ci sono addirittura degli studenti che pur di ovviare al grave problema dell'affito mensile hanno pensato bene di arrangiarsi e di vivere a bordo di un camper. E' il caso di tre studentesse laziali che, pur di non sottostare alle tariffe stellari che qualche affittuario senza ritegno aveva chiesto loro, hanno deciso di abitare all'interno del camper che i genitori di una di loro gli hanno messo a disposizione. Le tre intraprendenti giovani si sono "accampate" dalle parti del Suffragio e dicono di trovarsi benissimo. Il loro camper è spesso meta di altri ragazzi e ragazze che vanno a trovarle per trascorrere un pò di tempo insieme e tutto funziona alla meraviglia. Ma questo "caso" induce a riflettere, perchè denuncia in modo plateale una situazione, quella degli affitti esagerati, che prima o poi dovrà essere affrontata in modo serio dalla stessa amministrazione comunale. Giusto un anno il sindaco fa aveva rivolto un invito ai proprietari di case sfitte, pregandoli di non speculare oltre il lecito sulle tariffe, ma a quanto sembra in pochi gli hanno dato ascolto. "Spetta al buon senso della gente non approfittarsi della situazione – spiega Andrea Proietti, segretario particolare del sindaco -, il sindaco non ha strumenti per poter intervenire nei casi in cui vengono proposti affitti da capogiro".
12/10/2007 ore 5:12
Torna su