Lunedì 17/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:52
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: a Santa Lucia il Comune fa tagliare le erbacce dalla scarpata ma spunta una discarica in mezzo alle case
Era rimasta nascosta per una quindicina di anni, ma è bastato ripulire il terreno da piante ed erbacce per farla riaffiorare in tutta la sua bruttezza. Si tratta di una discarica, composta da tutti gli “ingredienti” tipici che si possono trovare in ogni area degradata: copertoni di automobile, un frigorifero, cestelli di lavatrice, una bombola, vecchi mobili metallici e di legno e poi ancora bottiglie di vetro e di plastica, pezzi di legno, calcinacci e persino alcuni fusti di alluminio di quelli usati per la birra. Siamo a Santa Lucia, nel quartiere più popoloso situato a meno di due chilometri dal centro di Narni. Il Comune tempo addietro aveva chiesto al proprietario di un terreno situato lungo la strada principale del quartiere, poco prima della curva dove si trova la scuola elementare, di eliminare quella sorta di boscaglia che da anni deturpava il paesaggio, creando anche disagi di carattere igienico sanitario agli abitanti della zona. Qualcuno di loro aveva segnalato infatti che da quella “macchia” sbucavano spesso dei rettili che si infilavano nella case vicine. Il proprietario si è messo d’accordo con il Comune e una decina di giorni fa ha incaricato una ditta di eseguire la bonifica del terreno. Mano a mano che gli operai andavano avanti con motoseghe e tagliaerba, affioravano i “resti” di qualche rifiuto; tutta roba ingombrante gettata lungo quella scarpata da qualcuno che ha ritenuto che fosse troppo complicato portare quegli oggetti presso la piattaforma ecologica di Maratta. Ripulita per intero tutta l’area è “emersa” così un’autentica discarica, composta da alcuni quintali di rifiuti. I cittadini di Santa Lucia hanno strabuzzato gli occhi nel vedere quello scempio e subito hanno chiesto l’intervento del Comune: “Il proprietario – assicura l’assessore ai Lavori Pubblici Simona Bozza – si è impegnato a ripulire tutto il terreno, è questione di giorni”. Se così non fosse scatterebbero provvedimenti di carattere coercitivo e il proprietario si troverebbe, suo malgrado, costretto a dover dare conto della presenza di tutti quei rifiuti, alcuni considerati anche “speciali”, sul suo terreno. Certo è che le famiglie che abitano nella zona, ma in generale la gente di Santa Lucia, non vogliono “una discarica dentro casa”.

3/9/2009 ore 5:31
Torna su