Giovedì 14/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:27
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: a Bruschini (Fi) non sono piaciute le dichiarazioni del sindaco Bigaroni sui propositi di recuperare i beni culturali della città
Sui buoni propositi lanciati dal sindaco Bigaroni qualche giorno fa in occasione della inaugurazione della ex chiesa di San Domenico, Forza Italia esprime tutto il suo dissenso. “Il sindaco ha parlato dell’importanza di valorizzare le testimonianze del passato di cui la nostra città è ricca con le forme di sviluppo alternativo che questa città ha deciso di attuare-osserva Sergio Bruschini capogruppo di Fi - . E’ incredibile con quale faccia tosta i nostri amministratori si riempiano la bocca di certe parole ben sapendo che proprio per la cultura sino ad oggi non sono stati capaci di fare niente. Oppure vogliamo dimenticarci i problemi di cui tutti i giorni sono costretti ad occuparsi i giornali? Il sindaco ha voluto spacciarci l’apertura di una porticina e l’abbattimento di una parete per un evento culturale straordinario quando monumenti ben più importanti ed eventi di grande interesse culturale attendono da anni di essere valorizzati. Vogliamo ricordare in che stato versa la Pinacoteca comunale, che in sei,sette mesi è stata visitata si e no da dieci persone? Oppure di Palazzo Eroli i cui lavori di ristrutturazione sembrano non finire mai e la sua inaugurazione viene rimandata di semestre in semestre? C’è poi la situazione del palazzo comunale, che ora con la scusa dei lavori rimarrà inagibile per chissà quanto tempo, e con esso continueranno a rimanere nascoste le opere d’arte contenute al suo interno. Stavolta, almeno-continua Bruschini – non è stata tirata in ballo la rocca quale ‘mezzo’ per veicolare una campagna elettorale, così come venne fatto lo scorso anno in occasione delle elezioni provinciali. Ma l’argomento relativo alla nostra antica fortezza in questo periodo è tabù e gli amministratori sanno che, così stando le cose, meno se ne parla e meglio è per loro”.
23/3/2005 ore 4:56
Torna su