Venerdì 23/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:29
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: è pronto il calco del busto di Cocceio Nerva, ora Vivinarni aspetta che il Comune decida in quale via o piazza collocarlo
Un busto per l’imperatore romano, originario di Narni, Marco Cocceio Nerva da collocare in una via o piazza della città. E’ l’operazione che sta portando avanti con successo l’associazione Vivinarni che ha organizzato una sottoscrizione tra i cittadini per poter sostenere le spese relativa al costo dell’opera. “Questa iniziativa – spiegano da Vivinarni - è volta a far conoscere i personaggi famosi e le glorie della nostra città, stabilire dove verrà collocato il busto spetterà poi al Comune di Narni. Intanto ci preme ringraziare per la disponibilità l'artista narnese Mario Matticari che ha già realizzato l'opera, partendo dalle molte immagini trovate su internet e sui libri di storia dell'arte, oltre che dalle visite fatte in famosi musei come quelli Capitolini e quelli Vaticani a Roma o gli altri prestigiosi di Firenze. Questa ricerca ha anche interessato la numismatica che vede numerose effigi dell'imperatore Nerva sulle varie monete coniate durante il breve ma fruttuoso periodo del suo impero”. Per la realizzazione di questo lavoro Mario Matticari ha fatto delle ricerche riferite alla ritrattistica romana del periodo in cui e vissuto e ha regnato Marco Cocceio Nerva, cioè alla fine del 1° sec. d. C. ( 96-98). “Per realizzare il volto di Cocceio Nerva – spiega Matticari -, ho voluto fare una sintesi dei vari tratti somatici che ricorrono in tutti i ritratti che ho potuto visionare, visitando vari musei alla ricerca di immagini e di impressioni. Ho inoltre usufruito di una serie di ritratti che in parte mi sono stai forniti dall'ingegner Fortunati e ho cercato di mettere in maggior evidenza quei caratteri che potessero esprimere autorevolezza e introspezione psicologica”. Attualmente è stato realizzato il busto in creta, da cui successivamente verrà riprodotto il busto in gesso, polvere di marmo o in bronzo. L’opera insomma è quasi terminata, si tratta ora di trovarle una collocazione adeguata.
2/3/2006 ore 16:05
Torna su