Venerdì 23/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:31
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Migliora la qualità dell'aria nella conca ternana, lo afferma in una relazione Legambiente
La relazione di Legambiente sull’ecosistema urbano 2004, che ha preso in esame tutte le città capoluogo di provincia, è stata analizzata nel corso di un incontro dal Presidente della Provincia di Terni, Andrea Cavicchioli, dall’Assessore all’Ambiente, Gianni Pelini, dal Dirigente del servizio, Giovanni Vaccari, dal responsabile del settore relativo al monitoraggio dell’aria, Paolo Grigioni. Per quanto riguarda la realtà ternana è emerso che il sistema di monitoraggio dell’aria, realizzato e gestito dall’Amministrazione provinciale, è stato giudicato valido al 100% nella classifica riguardante il rispetto degli obblighi di legge e, quindi, individuato nella prima posizione della relativa graduatoria che comprende anche altre realtà. In merito, poi, ad altri elementi rilevati nella relazione, risulta che Terni è stata collocata al 10° posto della graduatoria per la qualità dell’aria relativa all’inquinamento da biossido di azoto, agente inquinante che deriva dagli effetti della combustione e dai volumi di traffico, evidenziando in tal modo una situazione virtuosa e positiva. Altri elementi interessanti sono emersi dalla presenza di polveri sottili nell’aria, per la quale Terni è stata collocata al 14° posto nella relativa graduatoria. Sulla base di questi risultati e di ulteriori parametri presi in considerazione dalla relazione di Legambiente, la città di Terni viene collocata in graduatoria generale al 36° posto su 103 capoluoghi di provincia. Per dare un elemento di confronto, si fa presente che la città di Perugia è collocata al 57° posto nella graduatoria relativa al rispetto degli obblighi di legge per il sistema di monitoraggio dell’aria, al 71° posto per le concentrazioni di biossido di azoto, al 38° posto per la presenza di polveri sottili nell’aria e al 71° posto nella graduatoria finale. Al termine dell’incontro il Presidente e l’Assessore provinciale all’”Ambiente” hanno espresso la propria soddisfazione per i risultati conseguiti, “che –hanno affermato- premiano, in particolare per quanto riguarda il sistema di monitoraggio dell’aria, gli investimenti effettuati dall’Ente e la qualità degli operatori che lo gestiscono. Occorre però tener presente che i dati riguardanti gli anni 2002/2003 non tengono conto delle ulteriori risorse messe in campo dall’Amministrazione provinciale di Terni per l’implementazione del sistema, che è in fase di ultimazione e che consentirà di incrementare qualitativamente e quantitativamente gli impianti a disposizione. I dati positivi sulla qualità dell’aria –hanno tenuto a sottolineare Cavicchioli e Pelini- dimostrano anche che le politiche degli Enti in questo settore stanno dando i risultati auspicati, con la consapevolezza di incrementare, sotto questo profilo, gli interventi a salvaguardia della salute e dell’ambiente, tenendo anche conto delle recenti valutazioni dell’Indagine Epidemiologica ”. Entrando nel merito dei futuri rapporti che l’Ente sta instaurando con l’ARPA, i due Amministratori hanno affermato che “la Provincia deve continuare a gestire il sistema di monitoraggio, che ha dato garanzie di efficienza e trasparenza, consentendo anche ai privati cittadini l’accesso ai dati attraverso il proprio sito internet”.

21/10/2003 ore 17:30
Torna su