Giovedì 02/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:49
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
La Polizia arresta un albanese appena uscito dal carcere, era ricercato nel suo paese per omicidio e rapina
Personale della Prima Sezione della Squadra Mobile al termine di una complessa serie di accertamenti svolti in collaborazione con il Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, ha tratto in arresto provvisorio ai fini estradizionali un cittadino albanese, di anni 41, che risultava essere inserito nell’elenco dei cittadini albanesi evasi dai carceri o comunque irreperibili, in quanto colto da una sentenza passata in giudicato emessa dal Tribunale di Tirana per omicidio e rapina. Lo stesso era stato condannato alla pena di morte e tratto una prima volta in arresto a Brescia nel 1995. All’epoca non venne concessa l’estradizione poichè il tipo di pena irrogata, ovviamente, non lo consentiva. Pertanto l’albanese aveva fatto perdere le proprie tracce. Successivamente la sentenza venne tramuta in detenzione per complessivi 25 anni; l’albanese nel frattempo era stato tratto in arresto per concorso in tentato omicidio e associato, sotto altro nome, al carcere di Terni, per scontare la pena detentiva residua per i fatti commessi in Italia. A seguito di segnalazione dello Servizio Centrale Opertaivo, questa Squadra Mobile si adoperava al fine di riscontrare la presenza nel carcere di Terni di un cittadino albanese che potesse corrispondere al ricercato, effettuando anche riscontri dattiloscopici per comparare l’identità. Gli accertamenti davano esito positivo e si poteva verificare che l’uomo rinchiuso a Terni era in effetti il ricercato di cui si sta parlando. Pertanto, all’atto della scarcerazione per fine pena, veniva nuovamente tratto in arresto e posto a disposizione delle Autorità Italiane e Albanesi per l’estradizione
20/11/2003 ore 18:35
Torna su