Sabato 01/11/2014
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 02:33
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
La festa entra nel vivo: da domani a domenica tante manifestazioni e sabato è San Giovenale
La XXXV edizione della Corsa all’Anello di Narni è entrata nella settimana dei festeggiamenti in onore del Patrono della città, San Giovenale, ricorrenza che, come è noto, si celebra il 3 maggio. Numerosi sono gli appuntamenti che caratterizzeranno l’evento sotto il profilo religioso, sociale e culturale, a partire dalla suggestiva cerimonia della serata del 2 maggio: l’ ”Offerta dei Ceri” in onore del Santo, che rievoca, ogni anno, in Cattedrale, il rito medievale della devozione al primo vescovo della Civitas Narniae, qui giunto dall’Africa del Nord, nel quarto secolo, come primo evangelizzatore della popolazione. Come narrano gli statuti del 1371, le famiglie nobili e i rappresentanti dei borghi sottomessi al comune di Narni, usavano offrire all’autorità religiosa un grande cero votivo in onore del Santo; più grande era il censo della famiglia, più grande era il cero offerto. Una tradizione ripresa in questi anni dall’Ente Corsa all’Anello e che segna l’inizio di tutto l’insieme di manifestazioni che, il giorno successivo, caratterizza l’attesa giornata di festa dedicata a San Giovenale. In attesa di quelle iniziative, la Corsa all’Anello continua a proporre eventi molto interessanti: mercoledì 30 aprile, nel suggestivo scenario della Chiesa di San Francesco, alle ore 21.00, sarà presentato in anteprima nazionale l’ultimo lavoro dell’Ensemble Micrologus e di Mario Pirovano, tra i più attenti e profilici rappresentanti della ricerca artistica sulla cultura medievale italiana. Lo spettacolo è intitolato “Le Jeu De Robin et de Marion” ed è la rivisitazione di un’opera scritta nel 1284 per la corte napoletana di Carlo d’Angiò dal troviere e poeta francese Adam de La Halle; ritroveremo nell’esecuzione dell’Ensemble Micrologus gli strumenti musicali dell’epoca, come il liuto, la guinterna, la buccina, il cialamello, il flauto col tamburo. Mario Pirovano sarà la voce recitante dello spettacolo. Giovedì 1° maggio, il terziere di Mezule presenterà la sua “Giornata Medievale”: rievocherà scene e ambientazioni liberamente ispirate a fatti realmente accaduti nel medioevo narnese. Il titolo della rappresentazione è “…La forza del leone nelle zampe, l’astuzia di un’aquila la mente, grifo chiamato, nemico della gente”. Il soggetto della rievocazione è il Grifo, il simbolo della città di Narni. Come sempre l’appuntamento sarà diviso in due parti, una di giorno (ore 17,30, piazza del Pozzo della Comunità) e una di notte (ore 21,00, Rocca Albornoz).
29/4/2003 ore 23:50
Torna su