Venerdì 28/02/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:26
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni dissuasori in via Roma, Sergio Bruschini (Forza Italia): "non vanno installati"
Troppi dissuasori presenti nel centro storico di Narni. A sostenere questa tesi è Sergio Bruschini. "Narni - afferma il capogruppo di Forza Italia -, si sta trasformando in una sorta di percorso ad ostacoli, a causa dei tanti dissuasori che ci sono. A breve una lunga sfilza di colonnine metalliche verrà installata in via Roma. Lo scopo, secondo gli amministratori, è quello di dissuadere chi in modo improprio sosta in tali luoghi, non tenendo in nessun conto che una città è fatta anche di attività commerciali le quali a fatica riescono a mantenere aperta la loro serranda. E' innegabile che, vista la prospicenza di tali negozi, sulla via spesso gli automobilisti si fermano per fare qualche acquisto, ma questo non ha mai causato disagi o problemi alla viabilità cittadina. In un centro storico come il nostro, è necessario mantenere una certa tolleranza onde permettere una generale convivenza con le diverse esigenze di vita. Dunque - insiste Bruschini -, questo provvedimento rischia di desertificare ancora di più via Roma, ovvero una strada che fino ad alcuni anni fa pullulava di negozi. Tra l'altro, l'imminente provvedimento comunale intenderebbe dissuadere la sosta selvaggia che si verifica nelle ore serali e notturne, ovvero quando i varchi che regolano l'accesso al centro storico sono attivi. Che fare allora? Basterebbe la presenza di un vigile in strada nelle ore serali, dopo le 19, quando il problema della sosta selvaggia si presenta. Invitiamo pertanto l'amministrazione - conclude Bruschini -, a non installare dissuasori in via Roma, a non impedire la fermata momentanea delle auto e ad estendere i controlli dei vigili quando realmente servono, ovvero nelle ore serali".
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
15/1/2020 ore 4:05
Torna su