Martedì 20/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:20
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: ignoti rubano di notte al bar di Arci Ragazzi, amarezza e delusione fra i volontari dell'associazione
Un furto. Che ha visto un "bottino" piuttosto misero da un punto di vita materiale, ma che ha offeso profondamente la sensibilità dei volontari di Arci Ragazzi. Il furto, come spiegato da Elisa De Rebotti, presidente di Arci Ragazzi Narni, è avvenuto, tra il 18 ed il 19 luglio all'interno del bar del circolo situato nel Parco dei Pini di Narni Scalo. Aamara la scoperta fatta dai volontari e comprensibile il senso di delusione manifestato dagli stessi. "Il Parco Bruno Donatelli - afferma Elisa De Rebotti -, è un bene comune, appartiene alla cittadinanza e per questo dovrebbe essere premura di tutta la comunità salvaguardarlo. Arciragazzi Narni ha il privilegio di avere la sua sede all'interno del Parco e di promuovervi da anni una serie di iniziative rivolte a infanzia, giovani e famiglie. Nella notte tra il 18 e il 19 luglio - racconta la presidente -, abbiamo subito un atto di vandalismo, ci hanno rubato dei soldi in contanti, cibo (merenda per i bambini), mettendo sottosopra gli spazi e arrecando anche dei danni alle strutture. Ci siamo interrogati a lungo sul motivo di questo gesto vile ed incivile. È davvero difficile comprendere come mai si sia potuta danneggiare un'associazione costituita da giovani volontari operano gratuitamente per contrastare dinamiche di disagio sociale e povertà educativa. Decidere di far parte di un'associazione significa scegliere un'altra famiglia a cui appartenere, a cui dedicare tempo, in cui investire energie; una famiglia che in sostanza è la comunità in cui vivi. Colpire un’associazione di volontariato - sottolinea Elisa De Rebotti -, vuol dire colpire l’intera collettività, vuol dire danneggiare le persone e le famiglie che a quell’associazione si rivolgono per avere un sostegno quotidianamente, in definitiva significa colpire noi stessi. Infine vogliamo sottolineare come questo episodio, seppur grave e spregevole, non fermerà il nostro lavoro educativo in favore della comunità narnese. Nonostante tutto, abbiamo le energie necessarie e l’entusiasmo per ricominciare".
20/7/2019 ore 13:30
Torna su