Venerdì 19/09/2014
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:47
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: guardie ambientali in giro sul territorio a fare multe a chi abbandona i rifiuti
Multe in arrivo per i cittadini che abbandonano i rifiuti dove capita. Quante volte in passato abbiamo riportato questa notizia? Tante, forse troppe, ma stavolta il Comune di Narni sembra voler fare sul serio. Così da lunedi (21 gennaio) partirà il nuovo corso e l’uso del famoso pugno di ferro, contro chi abbandona l’immondizia dove capita o favorisce il proliferare di discariche abusive, è destinato a diventare realtà. La nuova ordinanza sulla gestione dei rifiuti, che introduce nuove modalità e nuovi strumenti per migliorare la collaborazione tra gestori del servizio e cittadinanza, è stata presentata questa mattina nella sala consigliare. Erano presenti il sindaco Francesco De Rebotti, l'assessore all'Ambiente Alfonso Morelli, il presidente dell'Asit Sergio Saleppico, il presidente delle Guardie Ambientali Nazionali Alberto Raggi, il comandante delle Guardie Ambientali Prociv Sergio Micheli e la presidente dell'Enpa di Narni Stefania Pesavento. Da lunedì prossimo chi non rispetta norme e leggi verrà multato sonoramente; in taluni casi oltre alla sanzione amministrativa è prevista anche la denuncia penale, come nel caso di abbandono di rifiuti pericolosi in discariche abusive. “Non è nostra intenzione mettere la città sotto assedio – ha precisato De Rebotti -, ma vista la situazione siamo costretti ad intervenire in maniera energica per fare in modo che il comportamento di quei cittadini che hanno mostrato di non volersi adeguare cambi; anche perché l’abbandono indiscriminato di rifiuti, oltre a creare un grave danno ambientale, rappresenta anche un costo per la collettività, determinato dalla bonifica delle discariche abusive”. Il Comune ha stretto una convenzione con il corpo delle Guardie Ambientali Nazionali e con quello delle Guardie Ambientali della Prociv; gli agenti in divisa si suddivideranno il territorio. I primi controlleranno il centro storico, i secondi la periferia. Controlli “random”, fatti di giorno e di notte, con appostamenti che possono durare anche alcune ore. Alla conferenza stampa erano presenti numerosi ufficiali ed agenti in divisa, a conferma che stavolta il Comune intende fare sul serio dispiegando sul territorio decine di uomini che avranno il compito di vigilare, ma anche di sanzionare. Anche se tutti hanno tenuto a sottolineare che si cercherà soprattutto di “educare” i cittadini negligenti, prima ancora di multarli. Nel corso dell’incontro sono stati ufficializzati alcuni dati riferiti alla raccolta differenziata. “ Nel 2012 – ha detto Sergio Saleppico, presidente dell’Asit, la municipalizzata che si occupa del servizio -, abbiamo raccolto su tutto il territorio 8.842 tonnellate di rifiuti, contro le 9.191 del 2011. Il calo è da addebitarsi, secondo noi, a una diminuzione dei consumi da parte delle famiglie, dovuta alla crisi.Per quanto riguarda la percentuale di differenziata siamo intorno al 42% ma dobbiamo crescere e cercare quanto prima di raggiungere la soglia del 60%”. L’assessore all’Ambiente Alfonso Morelli ha parlato del sistema sanzionatorio che verrà applicato nei confronti dei trasgressori; "esso – ha detto – si riaggancia alla normativa regionale e prevede multe che vanno dai 50 euro per il mancato rispetto del calendario riferito alla raccolta differenziata, a diverse migliaia di euro di multa comminata a chi, invece, abbandona rifiuti ingombranti o pericolosi in discariche abusive”. E’ stato nuovamente ricordato il discorso della premialità riferita a quei cittadini che conferiscono autonomamente in discarica i rifiuti ingombranti, o portano presso i compattatori rifiuti plastici. A questi viene applicato uno sconto sulla bolletta della Tia. Da luglio a dicembre del 2012 solo 47 cittadini hanno usufruito dello sconto. Con una forte campagna informativa il Comune intende responsabilizzare tutti i cittadini affinchè siano tanti di più coloro che portano presso la piattaforma ecologica di Maratta i loro rifiuti ingombranti. Si è parlato anche dei cani che con le loro deiezioni sporcano strade e piazze del centro storico e di Narni Scalo ed i giardini pubblici. "I proprietari dei cani sono spesso dei maleducati - ha detto Stefania Pesavento (Enpa) -, e non rispettano le norme che prevedono luso di paletta e sacchetto quando si portano in giro i propri animali".
19/1/2013 ore 15:40
Torna su