Mercoledì 08/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 23:20
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Incidente di Montoro: il 63enne morto era sceso dall'auto per segnalare l'ostacolo, ma è stato investito
Una tragica fatalità. Dovuta con ogni probabilità ad un gesto di altruismo che gli è costato la vita. L'uomo, di 63 anni, morto nella tarda mattinata lungo il Rato, poco prima dell'uscita per Nera Montoro sarebbe stato falciato da un autocarro mentre tentava di avvisare con dei gesti gli automobilisti in arrivo che la carreggiata era occupata da un'auto che aveva subito un incidente un attimo prima. Un gesto fatale, quello del poveretto, in quanto il conducente dell'autocarro si sarebbe accorto della presenza dell'uomo solo all'ultimo momento e comunque troppo tardi per non investirlo. L'uomo è morto praticamente sul colpo a causa delle gravi ferite riportate. Non è la prima volta che qualcuno rimanga ucciso in circostanze analoghe. Un gesto di altruismo e di solidarietà che si trasforma in tragedia per chi lo compie. Un destino beffardo per il 63enne che quando ha notato l'automobile davanti a lui sbandare e rimanere al centro della carreggiata, non avrebbe esitato ad accostare la sua auto ed a scendere di corsa per segnalare agli automobilisti in arrivo la presenza di quell'ostacolo.
16/9/2016 ore 14:00
Torna su