Sabato 24/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:47
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
In Provincia si esaminano i progetti predisposti dal Consorzio di bonifica Tevere-Nera in relazione alle aree esondabili
Si è svolta presso la sede della Provincia di Terni una riunione, coordinata dall'Assessore provinciale all'Ambiente Fabio Paparelli, tra l'Amministrazione provinciale, la Regione dell'Umbria, il Consorzio di Bonifica Tevere-Nera, i Comuni di Terni e Narni, le Associazioni degli Industriali e degli Artigiani, la Cna, l'Associazione delle piccole e medie imprese, il Consorzio per le Aree industriali e la Lega delle Cooperative, per fare il punto della situazione sulla progettazione della messa in sicurezza delle aree esondabili della Conca ternana, che il Consorzio di bonifica Tevere-Nera sta elaborando su incarico della Regione e sotto il coordinamento della Provincia di Terni. Nel corso dell'incontro da parte delle associazioni di categoria è emersa la necessità di procedere celermente alla definizione dei progetti e ai relativi interventi di messa in sicurezza nelle zone industriali ed artigianali che possano dare garanzie alle aspettative di sviluppo delle varie attività ricadenti nelle aree del fiume Nera e di Maratta. I tempi saranno relativamente brevi anche perché non sarà necessaria la Valutazione di impatto ambientale così come definito dalla Regione nel corso della riunione. Il Consorzio, che procederà autonomamente alla valutazione del grado d'incidenza ambientale, ha assicurato la definizione del progetto preliminare complessivo entro il prossimo mese di febbraio comprendendo opere di pregio e di arredo urbano, nel centro cittadino, consone ed adeguate, utilizzando tecniche innovative. L'Assessore Fabio Paparelli ha proposto, ottenendo pieno consenso, di procedere poi contestualmente a progettazione esecutiva e realizzazione delle opere per stralci funzionali rispondendo così alle esigenze di tempi rapidi per le imprese. Lo stesso Assessore all'Ambiente ha espresso la necessità di garantire la salvaguardia delle alberature esistenti che rappresentano un patrimonio ambientale difficilmente ricostituibile. "Tutte le opere idrauliche dovranno essere eseguite con celerità e secondo i criteri contenuti nel manuale di ingegneria naturalistica della Provincia di Terni-ha dichiarato inoltre l'Assessore Paparelli - conciliando la messa in sicurezza delle aree interessate con interventi di qualità tesi a garantire la sostenibilità ambientale".
22/1/2005 ore 5:15
Torna su