Lunedì 21/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:50
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
I carabinieri di Narni Scalo denunciano un trentenne per produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente
Continua l'ffensiva dell'Arma dei Carabinieri nei confronti di persone che si dedicano alla coltivazione di piante dalle quali estrarre sostanze stupefacenti. Nel corso di indagini svolte nel comprensorio Amerino-Narnese i militari hanno individuato un altro di questi "coltivatori". Sono stati i carabinieri della stazione di Narni Scalo, grazie ad una serie di mirati servizi svolti per strada, a risalire ad un spacciatore che riforniva i consumatori locali. Partendo dai continui controlli effettuati nell’area di Stifone nei confronti di soggetti dediti al consumo abituale di sostanze stupefacenti, i militari sono riusciti ad ottenere una serie di riscontri che, messi insieme, hanno permesso di individuare la catena di spaccio e di identificare il loro fornitore. A casa del soggetto, un trentenne operaio, nato e residente ad Amelia, gli uomini dell’Arma hanno trovato una vera e propria coltivazione casalinga: una serra perfettamente funzionante, completa di tutte le attrezzature (lampade UV, misuratore di umidità, fertilizzanti), tre piante di marijuana in coltura in vaso ed altre due in essiccazione. A corredo dell’attrezzatura vivaistica i carabinieri hanno anche sequestrato un bilancino elettronico di precisione e gli involucri di cellophane utilizzati per il confezionamento delle dosi da spacciare. Il giovane, già autore di reati sempre attinenti le sostanze stupefacenti, è stato denunciato in stato di libertà per produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
9/3/2019 ore 11:23
Torna su