Venerdì 20/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:14
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
I carabinieri arrestano due prostitute nigeriane appena scese dal treno alla stazione di Narni Scalo
Le hanno aspettate al varco. Hanno atteso che scendessero dal treno e che salissero su un pullman di linea che prendevano tutte le mattine per raggiungere il loro “posto di lavoro”. L’autobus è partito ma pochi attimi dopo l’autista è stato costretto ad accostare perché due carabinieri gli hanno intimato l’alt con la paletta di ordinanza. Obiettivo dei militari erano due ragazze, entrambe nigeriane, una di 20 e l’altra di 40 anni residenti a Roma, che si prostituivano da qualche tempo lungo la ex statale Ortana, nei pressi di Stifone e che erano solite arrivare con il treno delle 7 alla stazione di Narni Scalo e poi con il pullman si trasferivano a Stifone. I carabinieri hanno fatto scendere le due donne dal bus e le hanno accompagnate in caserma. Ai militari è bastato fare qualche controllo incrociato per scoprire che entrambe erano inottemperanti ad altrettanti decreti di espulsione emessi tempo addietro dal questore di Terni e da quello di Roma. Così per le due africane è scattato l’arresto con il conseguente trasferimento presso il carcere femminile di Capanne (Pg). L’operazione dei carabinieri di Narni Scalo fa il paio con un analogo intervento compiuto giusto un mese fa dagli stessi militari in località Marinata, nei pressi della polveriera militare. Anche in quella circostanza venne arrestata una ragazza nigeriana che si stava prostituendo, risultata inottemperante ad un precedente decreto di espulsione. La donna tentò di sfuggire ai controlli, dandosela a gambe nei boschi intorno alla zona della polveriera, tra San Pellegrino e Montoro, ma i militari riuscirono a raggiungerla ed a bloccata. Questi ultimi interventi fanno parte di un piano di azione previsto dai carabinieri delle stazioni di Narni e Narni Scalo sul fronte della lotta all’immigrazione clandestina; dunque i controlli dei luoghi notoriamente frequentati dalla prostitute rientrano in un più vasto programma che tende a contrastare il fenomeno. Raccordo autostradale e stazioni ferroviarie sono gli altri punti tenuti costantemente sotto controllo al pari di altre strade particolarmente trafficate.
(Foto di repertorio)
17/8/2010 ore 0:31
Torna su