Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:35
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ex-Spea: Rifondazione Comunista è convinta che con l'inizio dei lavori a Valmontone sia saltato definitivamente il progetto di "Mirabilandia 2"
E’ il preludio ad una imminente crisi di giunta? A giudicare dalle parole pesanti uscite dalla bocca di Ettore Strano, membro della segreteria del Partito di Rifondazione Comunista di Narni, il timore che l’anno nuovo sia cominciato sotto una cattiva stella per il sindaco Bigaroni è tutt’altro che peregrino. A scatenare l’ennesima reazione dei rifondatori narnesi sono state le dichiarazioni rilasciate giorni addietro dall’imprenditore romagnolo Gianfranco Casoli al quotidiano economico “Il Sole 24 Ore” circa la sua volontà di realizzare sui terreni ex-Spea un parco giochi. Dichiarazioni che da Prc vengono lette in un solo modo e per questo Ettore Strano ha sparato a zero nei confronti del primo cittadino di Narni. L’area ex-Spea è stata inserita di recente dal Governo nell’elenco dei beni demaniali dismissibili e quindi di fatto svincolata, ed il sindaco Bigaroni pare abbia accolto con grande piacere le dichiarazioni dell’imprenditore proprietario di Mirabilandia. “Dovremmo essere tutti felici e contenti per questa comunione di intenti– osserva con ironia Ettore Strano – ed invece non può essere così ed è ora che i cittadini narnesi si sveglino dal loro bel sogno e facciano i conti con la dura realtà. Checchè ne dica Casoli a Narni non potrà mai sorgere un nuovo parco tematico in grado di attrarre turismo da tutto il centro Italia perché questa realtà è in fase di costruzione a Valmontone, una cittadina situtata ad una trentina di chilometri dalla capitale e posizionata strategicamente lungo la Roma-Napoli. I lavori sono già iniziati ad aprile del 2005 e quando la struttura sarà terminata questo parco diventerà il più grande di tutto il bacino del Mediterraneo e con i suoi 200 ettari di estensione sarà di poco più piccolo di Eurodisney. Esso occuperà ben 1.300 addetti e da conti fatti ospiterà circa tre milioni di visitatori all’anno. Qualcuno sa dirmi, dopo una situazione del genere, quale imprenditore si sognerebbe mai di realizzare un altro parco di grandi dimensioni a Narni, ad appena 100 chilometri di distanza da una realtà così imponente?”.
4/1/2006 ore 4:55
Torna su