Martedì 07/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 14:23
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Denunciati a piede libero alcuni narnesi sorpresi nella zona di Stroncone a cacciare di frodo, sequestrate armi e munizioni
Nel corso di accertamenti e controlli nel territorio narnese, la Polizia Locale della Provincia di Terni-Sezione “Fauna e Foreste” ha identificato e denunciato a piede libero alcune persone per caccia di frodo. La zona, ai confini tra i territori comunali di Narni e Stroncone, è ricca di una grande varietà di fauna ed è interessata –almeno da come risulta da alcune segnalazioni fatte da privati cittadini- da atti illegali ai danni della selvaggina. I denunciati, molto probabilmente, avevano intrapreso un lucroso commercio di carni di cinghiale. Un altro intervento è stato operato nei confronti di un uomo (tale G.D.), residente all’interno della zona di ripopolamento e cattura di Fiaiola, che intorno alle 22 di lunedì scorso è stato fermato ed identificato. A bordo del suo fuoristrada trasportava un fucile pieghevole di piccolo calibro, atto a perpetrare atti di bracconaggio, corredato di 20 cartucce, bossoli vari e pallettoni. Alla persona, già nota alla Polizia Locale essendo stata già segnalata da onesti cittadini ed alla quale erano state contestate altre violazioni, è stato sequestrato il fucile e le munizioni ed elevata una consistente contravvenzione per trasporto illegale di arma in orario notturno in una zona dove vige il divieto di caccia.

25/9/2003 ore 21:45
Torna su