Lunedì 09/12/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:06
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Dalla Regione scarseggiano i contributi per le opere pubbliche, Narni fa parte di un'Umbria "dimenticata"?
L’ultimo contributo per le opere pubbliche risale a due anni fa: una cinquantina di milioni per la scuola "Elementare Pertini" di Narni Scalo. Da allora dalla regione non è arrivato nemmeno un centesimo, nemmeno un accenno. Promesse tante, soldi nemmeno l’ombra. C’è chi sostiene che tale atteggiamento dei perugini è stato dettato dalla scarsa comunicabilità del sindaco Stefano Bigaroni con la Presidente della Giunta, Maria Rita Lorenzetti, che, insomma l’idea di andare d’accordo, proprio non la danno, a cominciare dalla centrale dell’Ast.
Ma questo sarebbe anche l’aspetto meno grave, anche se poi alla lunga quando due esponenti di peso, come possono essere un presidente di regione ed un sindaco, non “legano” ed anzi sono quasi sempre in disaccordo sulle questioni, è difficile instaurare un dialogo positivo e soprattutto renderlo vivo ogni giorno. Il fatto certo è che Narni ha la necessità di essere guardata con maggiore attenzione da parte della Regione e di riottenere quanto prima quel flusso di soldi da impiegare per le opere pubbliche del comune.
Per come stanno andando le cose da molto tempo a questa parte viene da pensare che la “Bassa Umbria”, l’Umbria “meridionale” sia stata veramente dimenticata dalla classe politica regionale. Terni si salva perchè può esprimere un assessore, perché è comunque sede di provincia. Narni, invece, non ha rapporti con nessuno, nemmeno quelli a titolo personale. L’ultimo ad avere un “peso specifico” è stato Luciano Costantini, che ha svolto la carica di assessore regionale e con lui i finanziamenti arrivavano ed anche la considerazione della Giunta.
Per questa “dimenticanza” a Narni nessuno ha mai guardato con attenzione ad una collaborazione con l’Università di Perugia: il Polo Universitario Narnese, che cresce ogni giorno di più, si fortifica con Roma (La Sapienza), passando per Camerino e fra poco, forse, con l’Università della Tuscia di Viterbo. E potrebbe ritornare di moda il discorso di uno stringere contatti proprio con la provincia di Viterbo con la quale Narni ha in comune una vicinanza ed anche una serie di iniziative importanti.

15/4/2003 ore 13:35
Torna su