Mercoledì 18/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:58
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Da Rifondazione Comunista forti critiche sull'operato dell'Asit: "Poco personale e tanti disservizi, non è così che si fa il bene della comunità!"
“La posizione di Rifondazione Comunista riguardo all’Asit è sempre stata chiara e trasparente”. Attacca così un comunicato del Prdci nel quale si tende a definire la posizione che il partito di Bertinotti ha avuto nei confronti della municipalizzata sin dal giorno della sua costituzione. “Abbiamo sempre cercato con i nostri interventi di porre costantemente l’attenzione sul possibile miglioramento del servizio – continua la nota -, così come auspicano gli stessi cittadini. Rifondazione Comunista, ha chiesto risposte e miglioramenti tecnici, nonché l’assunzione di personale per rendere il servizio più efficiente; preoccupandosi anche responsabilmente se fosse possibile rintracciare risorse economiche necessarie. Per tali motivi senza aver ottenuto alcuna risposta alle nostre sollecitazioni di miglioramento abbiamo ritenuto opportuno che nessun esponente del partito (pur avendo individuato il compagno idoneo) entrasse nel consiglio d’Amministrazione dell’Asit. La ‘poltrona’, fino ad oggi è rimasta vuota, e probabilmente è proprio questo che rende diverso il nostro intendimento della politica rispetto agli altri: rinunciamo ad una ‘poltrona’ appetibile pur di avere risposte concrete circa le sorti dell’Asit, al di la di tutte le clamorose asserzioni. L’Asit resterà un’azienda a maggioranza pubblica – si chiedono da Rifondazione - o verrà privatizzata? Ci sono le risorse per migliorare il servizio, di questo e di altre supposizioni pertinenti che vogliamo discutere; senza dialogo ed in assenza di risposte adeguate quella sedia sarà destinata a rimanere vuota. Se questo per la Margherita significa bloccare l’Asit facciamo un sorriso amaro e diciamo di si. Ma cosa succederà quando aumenterà la tariffa sui rifiuti senza avere un miglioramento del servizio? Qualcuno dovrebbe spiegarcelo perché i cattivi servizi vengono già denunciati dagli stessi cittadini senza che questi ottengano risposte nei meriti. Un altro dubbio riguarda chi dovrà assolvere all’onere di rispondere alle tante lamentele presenti e future. Al momento però – conclude la nota della segreteria del Prdci -, sembra che l’unica risposta possibile sia il silenzio funzionale della politica, visto che i giochi si fanno, senza intermediari altrove e, l’unico dato per noi certo è che tutti i giocatori appartengono alla stessa squadra”
21/6/2006 ore 11:22
Torna su