Martedì 21/05/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:47
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Contro il Piacenza rientrano tutti, Beretta tira un sospiro di sollievo ma avverte:"Occhio agli avversari, verranno a Terni per vincere"
Per una volta il problema di Beretta sarà l’abbondanza. Il tecnico rossoverde infatti potrà disporre dell’intera rosa per il match contro il Piacenza, fatta eccezione per Esposito. Tornano di sicuro Brunner, Nicola e Zampagna mentre il rientro del fantasista napoletano è previsto per gennaio, a meno che la società non decida di “provarlo” per la trasferta di Salerno. Beretta dunque si troverà a poter scegliere in ogni reparto tranne che tra i pali, anche se la prova di Berni è stata positiva. In difesa dunque potrebbe “respirare” uno tra Paci e Terni, entrambi titolari da molte gare, mentre a centrocampo la scelta diventa difficile. Beretta avrà infatti due uomini per un ruolo solo: con Brevi, Kharja ed Jimenez inamovibili toccherà a Giampà e Ferrarese giocarsi la maglia da titolare. Per l’attacco sembra probabile la coppia Zampagna - Borgobello anche se Frick si è dimostrato in buona forma. Certo è che la partita con il Piacenza non sarà una passeggiata per i rossoverdi. Lo sa bene Ferrarese, che con il Piacenza ha giocato e conosce molto bene l’allenatore. “E’ una squadra tosta, soprattutto in trasferta. Hanno un’ottima difesa, hanno preso pochi goal, e sono sicuro che verranno a Terni per vincere”. Anche Nicola è dello stesso avviso: “Il Piacenza è una squadra forte. Verranno a Terni per fare la partita, non si accontenteranno del pareggio”. Il match di domenica è fondamentale per la Ternana anche per continuare la striscia positiva iniziata con la vittoria sul Treviso. “Per noi domenica sarà importante vincere per poter allungare sul Piacenza che è una delle formazioni che lotterà per la promozione. La squadra di Cagni ha un’ottima difesa ma se riusciremo a sfruttare bene il gioco sugli esterni potremo riuscire a superarla”.
Eleonora Bisaccioni
6/12/2003 ore 1:15
Torna su